Heinz D÷rmer

Perseguitato sotto il nazismo, ma anche dopo.

Vita

Heinz D÷rmer (Berlino, 1912 - vivente) Ŕ stato prigioniero nei campi di concentramento tedeschi durante la Seconda guerra mondiale a causa della propria omosessualitÓ, considerata un crimine dal partito nazionalsocialista.

D÷rmer fin da piccolo fu coinvolto nei gruppi giovanili parrocchiali e, all'etÓ di quindici anni, inizi˛ a frequentare i locali gay di Berlino.

Nel 1929 fond˛ un gruppo giovanile che chiam˛ "Compagnia dei Lupi" che si occupava di teatro amatoriale e viaggi e nel quale ebbero luogo alcune storie amorose tra giovani omosessuali. Nel 1932 D÷rmer entr˛ a far parte del movimento Scout nazionale tedesco.

Nel 1933, dopo la presa del potere di Adolf Hitler, le organizzazioni giovanili tedesche vennero forzatamente inglobate all'interno della Hitler-Jugend, la giovent¨ hitleriana, e D÷rmer fu obbligato a farne parte.

Nell'aprile 1935, D÷rmer venne accusato di attivitÓ omosessuali in base al paragrafo 175 e venne imprigionato.

Per un periodo di circa dieci anni D÷rmer venne pi¨ volte imprigionato e rilasciato da numerosi campi di concentramento (tra i quali Sachsenhausen) e prigioni ove subý le crudeli repressioni riservate a coloro che indossavano il triangolo rosa, il simbolo degli omosessuali.

Finita la guerra D÷rmer venne trascorse altri otto anni in prigione a causa del paragrafo 175, ancora in vigore nella Germania Ovest, e che venne definitivamente abolito solo nel 1994, dopo la riunificazione tedesca.

Heinz D÷rmer Ŕ stato uno dei cinque gay che si prestarono a riportare le proprie memorie nel documentario Paragraph 175 sulle persecuzioni contro gli omosessuali durante il periodo nazista.

Il film, prodotto da Jeffrey Friedman e Rob Epstein, si avvale della voce narrante di Rupert Everett.

Una citazione

"Il cervello delle SS era completamente fuso: era diretto soltanto su di noi. Eravamo considerati una razza infame ed essi potevano fare di noi tutto ci˛ che volevano. Se uccidevano qualcuno di noi venivano addirittura lodati e noi dovevamo stare a guardare." (Heinz D÷rmer)

La riproduzione di questo testo Ŕ vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Albrecht BeckerfotografoDavide Betti1906 - 2002
Adolf Brandgiornalista, editoreVari1874 - 1945
Anna FrankMassimo Consoli1929 - 1944
Karl GorathinfermiereDavide Betti1912 - 2003
Karl LangebancarioDavide Betti1915
Kurt von RuffinattoreDavide Betti1901 - 1996
Henny SchermanncommessaDavide Betti1912 - 1942
Paul Gerhard VogelignotaDavide Betti1915
autoretitologenereanno
Kaito Kaoru, NalleSave my destiny 2shōnen'ai2010
Kokoro1943storico2011
Alan Moore, David LloydV per Vendettafantascienza2006
autoretitologenereanno
AA.VV.Giornata particolare di Ettore Scola, Unasaggio2003
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Nel nome della razzasaggio2000
AA.VV., Francesco Monicelli, Gianni Vattimo, Pascal Janin, Stefano Donini, Andreas Sternweiler, Gianni Rossi BarilliBollettino della societÓ letteraria n. 9miscellanea1996
Bert ArcherTramonto dei gay, Ilsaggio2006
Stefano Ardenti, Sara VedovaUomini e demonimiscellanea2002
Manfred Baumgardt100 Jahre Schwulenbewegungmiscellanea1997
Gad BeckDietro il vetro sottilebiografia2009
Hans BlŘherWandervogelsaggio1994
Fabrizio BucciarelliNazi gaysaggio2009
Tutti i risultati (47 libri) »
titoloautoredata
Gli omosessuali tedeschi sotto il nazismo
Gli uomini col triangolo rosa.
Vari14/04/2006
Hitler era omosessuale? Sulla presunta omosessualità dei capi del nazismoGiovanni Dall'Orto08/05/2004
Il fascino del carneficeGiovanbattista Brambilla19/03/2005
L'Institut fŘr Sexualwissenschaft di Berlino (1919-1933).
Il primo "centro per l'omosessualitÓ" della storia umana.
Vari14/04/2006
La persecuzione degli omosessuali in Olanda durante la seconda guerra mondialeRob Tielman17/04/2005