film

Salmonberries - A piedi nudi nella neve

titolo originaleSalmonberries
anno1991
regia
conk.d. lang, Rosel Zech, Jane Lind, Chuck Connors, Oscar Kawagley
produzioneGermania
durata94 min
generedrammatico
temilesbismo
La quarantacinquenne Roswitha (Rosel Zech) è la bibliotecaria di Kotzebue, un villaggio dell'Alaska. Tedesca, vive lì da 21 anni, dopo essere riuscita a fuggire attraverso il muro di Berlino, mentre il marito Karl fu ucciso dai poliziotti. Nella biblioteca compare a volte un ragazzo, vandalico e disturbatore: è Kotzebue ("Kotz"), in realtà una ragazza costretta a fingersi uomo per poter lavorare nella miniera di piombo. Chiamata così dal nome del villaggio, Kotz (k.d. lang) è una trovatella che vuole scoprire lì qualche traccia del suo passato. In breve però è conquistata da Roswitha. Con molta fatica e non senza qualche scontro, riesce a diventarle amica e farsi raccontare la sua storia amara. Kotz compra due biglietti aerei per Berlino. Lì Roswitha riesce a localizzare la tomba del marito e a scoprire finalmente che fu suo fratello a denunciare la loro fuga alla polizia. La rivelazione è forte, le emozioni si accavallano, le due donne sono sempre più vicine; ma, quando Kotz cerca di fare l'amore, Roswitha le resiste, dicendo di amarla ma non di non essere ancora pronta. Kotz ne è fortemente delusa. Tornate in Alaska, la ragazza riesce a scoprire l'identità del padre – il vecchio Chuck (Chuck Connors) – ma non quella della madre, visto che all'epoca Chuck aveva molte amanti. Ha ritrovato il suo passato, ma non sé. Non sa che fare. Bussa alla porta di Roswita.

Recensioni per Salmonberries - A piedi nudi nella neve

titoloautorevotodata
Salmonberries - A piedi nudi nella neve16/04/2005