Herb Ritts: Works

30 marzo 2004

L’uscita di due nuovi volumi di Herb Ritts (Donna Karam e Work) ci dà un’altra buona occasione per riflettere su questo grand-maître del bianco e nero. Completamente autodidatta, poi assistente del ben più talentuoso Bruce Weber ed infine lanciato internazionalmente con delle foto scattate al suo amico Richard Gere agli inizi degli anni ’80, seppe imporsi immediatamente attraverso le riviste più fashion del momento. Anche se oggi risulta stilisticamente assai ripetitivo e stanco, è innegabile che abbia fatto veramente epoca. I suoi detrattori l’hanno sempre criticato per la sua “superficialità” ma è proprio in questo suo specifico che bisogna individuarne i pregi e la sua originalità. Ritts cerca una “spontaneità”, per quanto assurdo possa sembrare, grazie all’eccesso di movimenti e volumi. Tutta l’essenza del maschile è esasperata e ogni particolare appare in primo piano, tracciando una linea grafica del desiderio che trova paragone soltanto nei disegni di Tom of Finland o Jean Cocteau. Trascrizioni di esagerazioni e prodezze anatomiche che hanno come costante figurativa quella della ridondanza, degli avvitamenti ed esplosioni di forma. I corpi diventano monumentali, enigmatici ed eterni nelle loro pose da “natura morta”. I soggetti sembrano provenire da qualcosa d’ignoto: non “ideali” ma “idoli”. Non è un caso che Ritts sia celebre soprattutto per foto di nudo, i suoi modelli vi diventano objects de luxe et volupté troppo perfetti, troppo belli, troppo intellettuali e troppo in posa. Sono come bronzi antichi salvati dagli abissi che continuano ad infondere silenzi primitivi ed oscuri presagi, nell’approccio impossibile tra oblio e ricordo, tra libido e mortido. Luce e ombra portano segreti omaggi d’amore sui corpi muscolosi di queste creature, le quali, misteriosamente vanno assumendo connotati del regno animale, vegetale e minerale. Le superfici incominciano a compenetrarsi, equivalersi ed amalgamarsi lentamente. Uomini acqua, aria, sabbia, conchiglia che a volte si tramutano anche in albero, catena, paralume, bassorilievo e roccia. Siamo nel delirio estetico dei sensi, al limite dell’umano, che meglio di tutti il poeta Gabriele D’Annunzio descrisse in Alcyone con questi versi: "In tutto io vivo tacito come la morte. E la mia vita è divina".
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Vincenzo Galdifotografo, galleristaGiovanni Dall'Orto1871 - 1961
Tony PatriolifotografoGiovanni Dall'Orto1941
Wilhelm von PlüschowfotografoGiovanni Dall'Orto1852 - 1930
Herb RittsfotografoGiovanbattista Brambilla1952 - 2003
autoretitologenereanno
Giancarlo GiovineGiovine's sketcheserotico2011
Wally RainbowWally Rainbow's ebay artworks 12008
titoloautoredata
Francesco Paolo Catalano
Un fotografo delle identità come cultura gender e queer
Alessandro Rizzo07/07/2010
La bellezza della forza.
Intervista a David Chapman sulla storia del culturismo
Stefano Bolognini17/01/2011
autoretitologenereanno
AA.VV.Complete Reprint of Physique Pictorial: 1951-1990, Thefotografia1997
AA.VV.Deep blue deluxefotografia2004
AA.VV.Homosexual men in action 1890-1930fotografia2002
AA.VV.L'art du nu au XIXe sieclecatalogo1997
AA.VV.Petite cochonneriefotografia1991
AA.VV.Sicilia mitica Arcadiafotografia2004
AA.VV.Spicchi di desideriofotografia1994
AA.VV.The mammoth book of gorgeous guysfotografia2011
AA.VV.Von Gloeden et le XIXe sièclefotografia1977
AA.VV., Wilhelm von Gloeden, Wilhelm von PlüschowFotografia pittorica 1889/1911catalogo1979
Tutti i risultati (104 libri) »
titoloautoredata
Anima e corpo: Elli Souyioultzoglou-Seraìdari (1899-1998)Giovanbattista Brambilla08/08/2005
Champion studioGiovanbattista Brambilla17/07/2005
I ragazzi di Tony PatrioliGiovanni Dall'Orto19/10/2010
Per un catalogo delle foto di Wilhelm von Gloeden
(ovvero: tutto quel che ho imparato fin qui sulla loro catalogazione)
Giovanni Dall'Orto22/01/2012
titoloartistaanno
Being boringNeil Tennant, Chris Lowe1990