Dialoghi d'amore [1501?]. Un trattato neoplatonico rinascimentale.

Opera d'un grande filosofo ebreo rinascimentale, il medico Jehuda/Giuda Abarbanel/Abravanel (detto "Leone Ebreo", 1460/1464 - 1521/1525), questo trattato appartiene all'epoca in cui la Controriforma non aveva ancora castrato il flusso reciproco d'idee fra cultura ebraica e cultura grecolatina.

Si spiega così come si trovi, sotto la penna d'uno scrittore ebreo, un trattato neoplatonico, in cui, sulle tracce (ovviamente) del Simposio di Platone, discutendo d'amore si parla sempre al maschile di "amante" ed "amato".

In particolare si veda la discussione alle pp.:

129: interpretazione allegorica, in chiave astrologica, degli amori di Giove.
Se al momento della nascita di una persona il pianeta Giove è in segno femminile, questa congiunzione astrale "dà amor femminile, e però [perciò] dicono che amasse e avesse Calistone [Callisto] in forma di femmina.
E se si truova in segno masculino, massime in casa di Saturno, cioè Acquario, dà amor masculino, onde fingono che esso amasse Ganimede fanciullo e che egli il convertisse in Acquario segno di Saturno
".
In altre parole, la tendenza sessuale di un neonato dipende dalla posizione degli astri al momento della nascita, posizione che è interpretata allegoricamente da Leone.

Le allusioni che egli fa nella citazione sopra riportata sono ai miti di Callisto (che Giove sedusse e amò con un corpo femminile, dato che essa fuggiva tutti i maschi) e di Ganimede, amante di Giove e coppiere degli dèi, trasformato secondo alcuni mitografi antichi nella costellazione dell'Acquario.

139: si descrive la nascita di Ermafrodito, seguendo la versione datane nel Centiloquium di Tolomeo, attribuendo ancora una volta la causa della tendenza omosessuale a una congiunzione astrale particolare al momento della nascita.

Infatti, i pianeti Mercurio e Venere congiunti astrologicamente al momento della nascita d'un uomo "il fanno inclinato a brutta e non natural libidine; e ci sono di quegli che amano i maschi e che non si vergognano ancora d'essere agenti e pazienti [attivi e passivi, NdR] assieme, facendo officio non solamente di maschio ma ancora di femmina.
E questo simile chiamano ermafrodito, che vuol dire persona dell'uno e dell'altro sesso".

Si noti come questa citazione dimostri come sia falsa l'affermazione, spesso ripetuta oggi dagli storici "costruzionisti", secondo cui gli antichi non erano in grado di concepire l'omosessuale come persona portatrice di una "tendenza", ma solo come un "recidivo" in un atto, quello sodomitico.
Al contrario, qui il comportamento omosessuale è presentato come frutto d'una "inclinazione" interiore dell'individuo, che lo rende "diverso" dagli altri.
E non può essere taciuto il fatto che la parola "inclinazione" deriva proprio dal termine tecnico latino inclinatio, che si usava in astrologia per indicare l'influsso astrale sul carattere d'una persona.

229-233: qui, come altrove, si discute di "amante" ed "amato"; ma alle pp. 229-230 Leone si balocca pericolosamente coi termini agente e paziente ("attivo" e "passivo") che di solito hanno nell'italiano dell'epoca un chiaro significato sessuale, usandoli audacemente in senso solo morale;

290-299: riprende il mito platoniano dell'Androgino (cfr. ancora Platone, Simposio).
Leone non parla qui di omosessualità, però interpreta il mito (anche qui con una dose d'audacia più che notevole) come un ampliamento di quanto detto nella Bibbia laddove, nella Genesi, dice che Dio "creò l'uomo maschio e femmina".

In altre parole, riprende la tradizione mistico-ebraica secondo cui il primo uomo, Adamo, fosse in origine "maschio e femmina" allo stesso tempo, e che i sessi siano stati separati solo quando la divinità estrasse (e scisse) Eva da Adamo.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Sandro AngioliniBelzebaerotico1977
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Maureen ListenQuesto terzo sesso che non è un sessocomico1995
Michele MeddaTragica ossessionefantascienza1994
titoloautoredata
Guerriere, ermafrodite e cortigiane
Intervista a Margherita Giacobino.
Patrizia Colosio31/12/2011
autoretitologenereanno
AA. VV.Mapa callejeromiscellanea2010
AA. VV.Sexual encounters / sexual collisions:bibliografia2007
AA.VV.Long before Stonewallmiscellanea2007
AA.VV.Queer Iberiamiscellanea1999
AA.VV.Reclaiming Sodommiscellanea1994
AA.VV.Transessualismo, Ilmiscellanea1997
AA.VV., Andrea Aste, Gianluca Polastri, Marco Manera, Dario Janese, Alessandro PolaConviviamiscellanea2007
AA.VV., Greg Egan, Ian McLeodStrani universi 2romanzo1999
AA.VV., Harry HarrisonPolimorfi, e altri racconti, Iracconti1964
AA.VV., Obiettivo ChaireABC per capire l'omosessualitàdizionario2005
Tutti i risultati (136 libri) »
titoloautoredata
Bibbia ed esistenza lesbica
Una bibliografia a cura di Patrizia Ottone
Vari21/11/2011
titoloartistaanno
Let a boy cryGala Rizzatto1997
Toi t'en rêves2007

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  2. 7

  3. 8

    Amore, L' (libro, 1963)

    di

  4. 9