Relax (Frankie goes to Hollywood, 1983)

"Relax" può essere definito simbolicamente il video con cui iniziò l'attacco alla censura praticata dalle tv contro la tematica omosessuale nei videoclip.
Un po' era giocoforza farlo, dato che le parole dicono:

"Rilàssati

non fare così

quando vuoi arrivarci.

Rilassati

non fare così

quando vuoi venire".

E non c'è chi non veda che qui si sta parlando, dichiaratamente, d'un rapporto orale. Con un tema così, non sfidare le censure era impossibile...

Si noti che il cantante del gruppo, Holly Johnson, fu molto più sveglio e rapido nel fare coming out di quanto non lo siano stati i suoi tentennanti colleghi "velati" dell'epoca, da Boy George a Freddie Mercury a Morissey a Marc Almond a Neil Tennant-- per non parlare dei Village people, che non lo fecero mai. (E quando nel 1993 si scoprì sieropositivo, discusse anche di questa sua condizione).
Anzi, con Paul Rutherford i componenti gay dichiarati della band erano ben due.

Messa così, non possono esserci dubbi sul fatto che fosse del tutto intenzionale il doppio senso omosessuale di versi della canzone quali:

"Sparalo nella direzione giusta
(...)
devi colpire me
colpiscimi
colpiscimi con quei raggi laser".
Anche perché ad un certo punto del testo si parla apertamente di "succhiare".

Ciò premesso, mi correggo: mostrare nel video l'omosessualità non era proprio proprio giocoforza, come dimostra il fatto che per questa canzone fu approntata una seconda versione del videoclip, priva d'eccessi (e tirata via al risparmio), nonché totalmente eterosessuale.
Quindi se l'argomento fu evocato, fu perché si volle deliberatamente farlo.

Insomma, col senno di poi è fin troppo facile dire che, visto il tema della canzone, la messa al bando del video fu cercata espressamente (e infallibilmente ottenuta) come strategia pubblicitaria. Peraltro di successo, visto che dopo un attimo dalla messa al bando non si parlava d'altro e tutti bramavano (invano) di vedere il video proibito (Internet non c'era ancora). La stessa campagna pubblicitaria cercava lo scandalo con frasi come: "I Frankie Goes to Hollywood stanno per venire. Si faranno leccare gli stivali dai Duran Duran. 19 pollici" [cioè 33 giri, NdR] "da prendere tutti, fino in fondo".

In realtà, a ben vedere, non è che l'omosessualità ci faccia una gran figurona, nel bar in cui entra il cantante in questo clip. In primis, viene solo evocata, in base all'ambientazione e al vestiario dei presenti (tutti maschi, meno la barista e una prigioniera in gabbia), ma mai mostrata: non si vedono coppie allacciate in amplessi e neppure nudità maschile. Però si vedono molti completi di cuoio alla Tom of Finland. Insomma il richiamo a questo mondo è esplicito, ma solo per gli standard di quegli anni..

L'aspetto con cui viene presentata la realtà gay è quella della sottocultura clone (leather) delle metropoli Usa dell'epoca.
(Una sottocultura, peraltro, che senza che nessuno lo immaginasse stava per essere completamente spazzata via dall'Aids, di cui s'era già sentito qualche tuono e fulmine, ma non ancora il tornado in tutta la sua forza, dato che ci avrebbe messo ancora un paio d'anni ad esplodere).

In secondo luogo il locale gay qui è presentato attraverso occhi e mentalità completamente eterosessuali, come una specie di riproposizione musicale della Cena di Trimalcione del Satyricon di Fellini (i richiami sono evidenti: c'è perfino un incongruo ciccione in portantina con tanto di toga romana, che da un matroneo ordina di torturare questo o quel cliente. Ricorda molto gli imperatori romani cattivi e capricciosi dei film peplum degli anni Sessanta).

La situazione in cui si trova Johnson, prescelto dal ciccione per essere dato in pasto a un tigrotto, che invece riuscirà ad ammansire, è più degna della favola di Barbablù o di Pollicino che d'una vicenda del 1983, e il locale somiglia più a un antro della strega che a un bar gay. La paglia per terra fa pensare più ad un circo che ad un locale, e la presenza d'animali conferma il richiamo ai circhi o agli zoo.
Palesemente, qui è stata lasciata via libera alle fantasie etero più morbose a proposito di quanto si svolgeva dietro le porte dei postacci per uominisessuali. Il risultato è grottesco, ed anzi a tratti ripugnante: ben lontano dalla celebrazione gioiosa e senza complessi della sessualità, su cui si basava la sottocultura gay di quegli anni!

Il locale è un casino in tutti i sensi, con gente che si agita senza costrutto, con un mezzo travestito che lecca una banana non sbucciata (che oplà, finirà un mano a Johnson), vergini di Norimberga, gabbie, e per finire l'allusione alla "pioggia dorata" nella scena conclusiva, in cui getti di liquido cadono dall'alto addosso a Holly Johnson e Paul Rutherford. Sinceramente, per garantire matematicamente il bando dalle tv, a questo video mancava solo che uccidessero e mangiassero crudo un bambino.

Insomma, nonostante questo video abbia contribuito a rompere tabù (e questo giustifica in parte l'entusiasmo con cui fu accolto all'epoca), qui non c'è una vera celebrazione sbarazzina del sesso come nella canzone, qui non c'è gioia: l'atmosfera è cupa, e letteralmente mortifera.
Prefigurazione dell'Aids? Può darsi. Ma di certo anche tanto moralismo eterosessuale su quel che si pensava fosse il mondo gay, trasformato in immagini.

La canzone "Relax" ebbe uno straordinario successo di vendite, e la curiosità che il video attrasse riuscendo a non farsi trasmettere in tv iniziò ad instillare nelle tv stesse il sospetto che una parte del pubblico i video un po' "audaci" in realtà li volesse vedere.
Ma la liberalizzazione sul tema proseguì a passo di lumaca ancora per qualche anno. Tant'è vero che le prime canzoni esplicitamente gay che riuscirono a diventare video negli anni seguenti, non riuscirono ancora per un po' a bucare la cappa del conformismo.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
AA.VV.Gocceshōnen'ai2002
Barbara Apostolico, Claudia LombardiCaim 4shōnen'ai2004
Francesca Bonifacio, Lucia Piera De PaolaSynapsysshōnen'ai2013
Copi (pseud. Raul Damonte-Taborda)Fantastico mondo dei gay, Ilcomico1987
Gaspare De Fiore, Santi D'AmicoDe Sadeerotico1971
Enzo Di LauroSol 4015fantascienza2011
Roy (pseud.) KlangDick mastererotico2003
Kazuma KodakaKizuna 2shōnen'ai2001
Ralf KönigKonrad & Paulcomico1994
Tutti i risultati (24 fumetti) »
titoloautoredata
L'impero degli orsi
Intervista a Gengoroh Tagame
Massimo Basili18/06/2010
autoretitologenereanno
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Italia lgbtguida2006
AA.VV.Leatherfolksaggio1991
AA.VV.Reclaiming Sodommiscellanea1994
AA.VV., Edward Bryant, Bruce McAllister, Connie WillisFantasexracconti1998
AA.VV., Samuel Delany, Philip José FarmerPremi Hugo 1955-1975, Iracconti1978
AA.VV., Anna Riva, Franca Casamassima, Rino Pullano, Dario Petrosino, Stefano Casi, Alberto Bigagli, Roberto Barbabè, Giuseppe SolfriniOmosessualità fra identità e desiderio, L'miscellanea1992
Brian AldissDal buio degli anni luceromanzo1965
Dario BellezzaCarnefice, Ilromanzo1973
Dario BellezzaInnocenza, L'romanzo1970
Tutti i risultati (70 libri) »
titoloanno
Cucumber2015
London Spy2015
titoloartistaanno
Big gay heartLemonheads1994
EroticaMadonna, Naomi Campbell, Isabella Rossellini, Tony Ward1992
Point GGael, Gael Hausmann2010
Real menJoe Jackson1982
Smalltown boyJimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984
TeethRust Slovenec2008
Why?Jimmi Somerville, Steve Bronski, Larry Steinbachek1984