Dead set

28 giugno 2011

L'idea è semplice quanto brillante: sono più stupidi gli zombie o i concorrenti del Grande Fratello? L'ironia devastante è tipicamente inglese, quindi fondata su un umorismo nerissimo (e la serie funziona sia nei momenti comici che in quelli spaventosi). Un umorismo, poi, politicamente scorretto: i primi concorrenti a morire sono la ragazza di colore e l'omosessuale, Grayson, un infermiere drag-queen. E non manca uno zombie su sedia a rotelle.

Grayson non viene solo ucciso, e poi ucciso di nuovo quando è divenuto zombie, ma viene anche fatto a pezzi e dato in pasto agli altri zombie. Probabilmente era da Improvvisamente l'estate scorsa che non si immaginava una combinazione simile fra omosessualità, morte e cannibalismo. Tuttavia, Grayson non ha l'ambizione di rappresentare l'omosessualità, bensì l'omosessualità secondo il Grande fratello, ovvero secondo i selezionatori dei concorrenti del celebre reality. Ha quindi un senso (di nuovo ironico) il fatto che incarni gli stereotipi più beceri (e che siano dati in pasto agli zombi): sono quelli che i selezionatori credono accettabili da parte del largo pubblico e che persistono nella frangia più arretrata del sistema mediatico, cioè la televisione di largo consumo.

Se quindi Grayson è futile e sciocco, non lo è certo più di tutti gli altri concorrenti del reality. Del resto a farlo a pezzi è il produttore, che è senza dubbio il personaggio più esecrabile e cinico della serie, senza contare che non ottiene lo scopo che si era prefissato. L'omofobia quindi non c'entra, ma ovviamente la scorrettezza politica non è adatta a tutti i palati.

Gli autori hanno dichiarato di aver esemplato i loro personaggi su concorrenti reali delle ultime edizioni del Grande fratello, e lo stesso vale per Grayson. Anche nelle ultime edizioni italiane abbiamo avuti esempi sufficienti e sufficientemente raccapriccianti di concorrenti simili perché lo spettatore italiano possa godersi appieno questa parodia, che investe tutto il mondo che ruota intorno alla trasmissione (perché non si deridono solo i concorrenti, ma anche gli spettatori e, ovviamente, i produttori, benché a produrre Dead set sia una succursale della compagnia che finanzia il Grande fratello).

"Gli zombie sono stupidi, noi siamo intelligenti, quindi vinceremo", dice più o meno uno dei sopravvissuti rinchiusi nella casa del Grande Fratello. Alla fine vincono gli zombi, quindi il messaggio è il più pessimista che si possa immaginare: se il mondo in cui viviamo è ben rappresentato dal Grande fratello, è un mondo senza speranza.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Davide La Rosa, Vanessa CardinaliSuore Ninjacomico2013
Davide La Rosa, Vanessa CardinaliZombie gay in Vaticanocomico2011
titoloanno
In the Flesh2013

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  2. 8

  3. 9

    Amore, L' (libro, 1963)

    di

  4. 10