serie tv

Fingersmith

titolo originaleFingersmith
anno2005
conSally Hawkins, Imelda Staunton, Elaine Cassidy, Rupert Evans, Charles Dance
produzioneGran Bretagna (BBC)
puntate2
genereavventura
personaggiofisso
temiWaters Sarah

Sue e Maud raccontano la loro storia alternandosi nei capitoli del romanzo come voci narranti dalle quali solo con l'evolversi del racconto risalterà come entrambe siano state manipolate: infatti a loro insaputa sono state scambiate alla nascita, con un contratto, dalle loro vere madri. Questo ha fatto sì che Sue, ignara erede di una nobildonna londinese morta precocemente, abbia vissuto allevata dalla "signora Sucksby" a Lant Street, una delle vie più malfamate della vecchia Londra, divenendo un'abile (e allegra) scassinatrice e così protetta dal suo unico vero parente, uno zio maniaco; Maud invece, vera figlia della signora Sucksby, vive prima orfana nella casa di cura ove è morta la nobildonna, e poi nella villa del blasonato "zio" il cui unico interesse non è tanto farla diventare una nobildonna ma una pudica, silenziosa e irreprensibile, segretaria dell' hobby cui dedica la vita, la scrittura del più ricco indice dei libri ad argomento erotico.

Malintesi, colpi di scena, giochi d'astuzia, si snodano nel racconto delle due ragazze che, ignare della propria vera origine, sono condotte l'una a ingannare l'altra a causa dell 'avidità di una delle due madri, la signora Sucksby.Questa infatti, non contenta di vedere divisa, al compimento del diciottesimo anno d'età delle due, l'ingente eredità della signora tra entrambe, vorrebbe la sua vera figlia e i soldi tutti per sé. Ma il caso entra nel gioco e ne sbaraglia le carte, con l'innamoramento graduale e inevitabile delle due, fascinazione che s'intreccia al racconto della truffa e sale in crescendo assieme ai dubbi ed alle incertezze sulle scelte da compiere, il dire la verità, il sapere la verità, in una Inghilterra nella quale era ben difficile che una giovane donna vivesse senza un tutore, un marito, una famiglia. Sono la rabbia di Sue e l'indomabilità di Maud che causano il tracollo finale nello scenario di una Londra dickensiana fatta di improvvise luci e di cupe ombre. A farne le spese saranno "Gentleman", il bel giovane senza scrupoli che si presta alle mire della Sucksby ,segrega Sue e porta a Londra Maud, e la stessa signora Sucksby che all'improvviso, in un ambiguo copione, viene caricata del peso di un delitto, la fine di Gentleman, descritto mirabilmente (e sanguinosamente) e che con la sua teatrale uscita di scena libererà le due innamorate consentendo un finale gotico nei colori e postmoderno nelle battute.

Recensioni per Fingersmith

titoloautorevotodata
Fingersmith25/10/2010