film

My beautiful laundrette

titolo originaleMy beautiful laundrette
anno1985
regia
conDaniel Day-Lewis, Roshan Seth, Rita Wolf, Gordon Warnecke, Derrick Branche
produzioneGran Bretagna
durata98 min
generedrammatico
temiomosessualità maschile
In un quartiere periferico londinese abitato da molti asiatici e succube delle scorribande razziste del National Front, vive Omar (Gordon Warnecke), un giovane pakistano. Inviato dal padre (Roshnan Seth) a lavorare nel garage dello zio Nasser (Roshnan Seth), Omar convince questi ad affidargli una sua lavanderia a gettoni che va male. Grazie all'aiuto di Johnny (Daniel Day Lewis), da lui assunto, rimette in sesto la lavanderia. Il rapporto tra loro due si fa via via sempre più intimo, fino a diventare amanti. La lavanderia, ribattezzata "Powders" (Polverine), è finalmente pronta. Il giorno dell'inaugurazione, un momento importante per la vita del quartiere, lo zio Nasser viene con l'amante e chiede ad Omar di sposare sua figlia Tania (Rita Wolf). Nell'eccitazione del momento, Omar dice di sì, cosa che fa inviperire Johnny. Tania però dopo non molto lo lascerà, non vedendo in lui una persona vincente, proprio mentre lo zio Nasser lascerà l'amante, andando a consolarsi dal fratello. Con la complicità di Johnny, Omar ruba della droga a suo cugino Salim, che ogni tanto aiuta in affari vari. Venuto a discutere del furto, Salim litiga con alcuni del National Front che lo deridono di continuo. Così i teppisti gli sfasciano la macchina e aggrediscono lui e Johnny, corso ad aiutarlo. Interviene anche Omar, che si rifugia con Johnny nella lavanderia mezza distrutta. I due si consolano facendo l'amore.

Recensioni per My beautiful laundrette

titoloautorevotodata
My beautiful laundrette19/05/2005