L'amaro sapore del potere

3 febbraio 2015

Pochi si ricordano oggi di Adlai Stevenson, ma nessuno si è ancora dimenticato Nixon. Il fatto conferma più o meno la morale de L’amaro sapore del potere, sceneggiato da Gore Vidal a partire da una sua pièce teatrale del 1960. I due protagonisti, concorrenti alle primarie nella corsa alla Casa Bianca, erano appunto ispirati a Stevenson (che perse due volte contro Eisenhower) e a Nixon (con l’evidente aggiunta di un po’ di McCarthy). Con la faciloneria tipica di tanto cinema classico, William Russell e Joe Cantwell appaiono da subito in scena l’uno con l’aureola in testa, l’altro con le corna e la coda: non ci sono mezze misure, né le regole dello star system potevano lasciare adito a dubbi, dato che Russell è interpretato da Henry Fonda, i cui personaggi notoriamente non erano mai men che integri. Laddove Cantwell (un Cliff Robertson sempre sudaticcio e teso come la corda di un violino) è dunque un uomo senza scrupoli, conservatore nell’animo, pronto a gettar fango sul rivale dopo aver scoperto di un suo ricovero in una clinica psichiatrica, Russell rimane imperturbabilmente ligio alla propria etica e rifiuta di fare altrettanto quando un ex commilitone di Cantwell viene provvidenzialmente a rivelarne i trascorsi omosessuali nell’esercito. Il delatore è interpretato peraltro da un Shelley Berman untuoso e sgradevole all’inverosimile, perché sia chiaro che queste cose sono riprovevoli anche quando avvantaggiano l’eroe.

Vidal profonde battute decisamente in anticipo rispetto ai tempi, in cui il presidente uscente e malato terminale profetizza (ed è pure serio) successori ebrei, neri e donne, dopo quello cattolico (il riferimento è ovviamente a Kennedy, assassinato l’anno prima), mentre sia lui sia il prode Russell ritengono del tutto irrilevante l’eventuale omosessualità dell’avversario (per quanto infangante possa essere) nel valutarne l’adeguatezza a far da presidente.

Una favola sospesa tra l’uomo ideale alla Frank Capra, da un lato, e la politica reale, squallida e corrotta, dall’altro. Finale a sorpresa e suspense non mancano, nonostante la santità di Fonda non lasci spazio a grandi manovre di sceneggiatura.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Gino D'Antonio, Goran ParlovOcchi del gatto, Glipoliziesco/criminale1995
Stefano Vietti, Dante BastianoniOceano verdefantascienza1998
autoretitologenereanno
Harry CocksNameless offencessaggio2010
Edwin FeyEstate a Sodomaromanzo1966
John GielgudGielgud's Lettersepistolario2004
Christian GuryHonneur musical d'un capitaine homosexuel en 1880, L'saggio1999
Christian GuryHonneur professionel d'un bourreau homosexuel en 1847, L'saggio1999
Lars Görling491romanzo1972
Christopher IsherwoodSignor Norris se ne va, Ilromanzo1979
Ezio Menzione, Stefano RodotàManuale dei diritti degli omosessualisaggio1996
Rictor NortonMother Clap's molly housesaggio1992
Edward Prime StevendonDu similsexualisme dans les arméesdocumenti2003

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

  3. 5

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  4. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  5. 7

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  6. 8