Normal

27 aprile 2019

È una banalità dire che per i vertici dell'industria (e per tutte le forme di autorità che ne discendono) è molto più conveniente confrontarsi con una società divisa in consumatrici vanitose e accudenti e in consumatori cacciatori e guerrafondai. Sì, è una banalità, che però non rende questo fatto meno vero, ed è in virtù di ciò che il documentario italo-svedese di Adele Tulli Normal non è superfluo. Esso mostra – con una fissità a tratti warholiana, e quindi tanto più allucinante – i riti collettivi legati alla maschilità e alla femminilità: da un lato l'aquagym delle donne gravide, dall'altro la distruzione ludica di macchine da parte di uomini gonfi di testosterone e di birra. In mezzo, i seminari parrocchiali per promessi sposi, a cura di farraginosi istruttori esperti in “benessere della coppia”.

La cosa migliore di questo scorrevole documentario è il lavoro di ricerca che ne è alla base, e che permette di antologizzare una serie di circostanze “normalissime” che – ingrandite e guardate dal di fuori – rivelano il carattere arbitrario e asfissiante (e spesso pure goffo e imbarazzante) della divisione tra “attività maschile” e “attività femminile”, e più in generale tra “specifico maschile” e “specifico femminile”.

Anche il montaggio è ben pensato e alcune giustapposizioni sono rivelatrici nella loro semplicità. In particolare è di grande effetto l'abbinamento tra l'assemblaggio in fabbrica dei ferri da stiro giocattolo destinati alle bambine, pigiati uno dopo l'altro da un indifferente pistone, e un alienante meet-and-greet presso una libreria Mondadori, durante il quale uno youtuber con la faccia da schiaffi (tale Antony Di Francesco) bacia serialmente sulla guancia le sue fan incantate e inebriate, subito scacciate a ritmi frenetici dall'impersonale équipe del divetto.

Il documentario si chiude con un'unione civile, il che – di primo acchito – potrebbe sembrare una scelta un po' ruffiana, ma che, a conti fatti, indica in modo chiarissimo, praticamente elementare, un antidoto salubre alla prescrittività insidiosa dell'eterosessismo: i contraenti omosessuali dell'unione si impegnano ad avere un ménage familiare “anormalmente” paritario. Così facendo suggeriscono alla società tutta un modello alternativo a quello che si ha la sfacciataggine di definire normale.

Il documentario della Tulli è quindi un invito illuminista a interrompere l'incantesimo mortificante della convenzione e a costruire un mondo in cui i compiti siano redistribuiti in modo equo. Come cantava Lucio Battisti ne La sposa occidentale: «Detto così è semplice / e infatti lo è, detto così».

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Bioeticamiscellanea2005
AA.VV.E l'ultima chiuda la portamiscellanea1996
AA.VV.Fuori dalla città invisibilesaggio2003
AA.VV.Sesso nomadesaggio1992
AA.VV.Stare insiememiscellanea2001
AA.VV.Transessualismo, Ilmiscellanea1997
AA.VV.Transessualità oltre lo specchiomiscellanea2007
Dario AccollaGay stanno tutti a sinistra, Isaggio2012
Francesco Maria AgnoliAttacco alla famigliasaggio2007
Raffaella Ammirati, Federica IannettiSenza Pacssaggio2006
Tutti i risultati (34 libri) »
titoloautoredata
L'identità omosessuale: cos'è, a che serve, come si cucinaGiovanni Dall'Orto30/08/2008
Le coppie di fatto e la legge anagrafica
I registri delle unioni civili e le attestazioni di famiglia affettiva
Vari25/01/2007
Le unioni civili
Un quadro aggiornato del dibattito nel mondo
Stefano Bolognini15/11/2006

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 6

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  5. 8

  6. 10

    Porno cuore (libro, 2005)

    di