Alessandro Martini

Nasce in un ospedale savonese nel 1974. Dopo 18 anni si trasferisce a Milano (nel frattempo si era comunque spostato dall'ospedale ad una casa vera e propria a Finale Ligure).
Si considera una via di mezzo fra Ethel Merman e Michel Foucault, scrive recensioni per proprio diletto e preferisce i film brutti e imbarazzanti perché trova che rappresentino meglio la realtà in cui vive.
È inoltre un appassionato di musical e in genere di musica popolare americana dal 1920 fino alla fine degli anni 50.
Nel tempo libero lavora come impiegato.