Il quarto uomo

7 marzo 2004

Inizia bene questo film di un Verhoeven ancora nostrano e visionario: denso di misteri hitchcockiani, ossessionato con cura da un misticismo di reminiscenza bergmaniana, surreale nelle scene e nella fatalità del caso, oltreché nei densi e insolubili rimandi tra sogni e realtà, puntellato da un erotismo fuori dai cliché di genere. E soprattutto coerente nella costruzione, centrata sulle fobie misogine e di castrazione post edipica del protagonista omosessuale. Il limite del film sta invece nel suo simbolismo esasperato, rimarcato con tanta, insoluta continuità da rischiare a più riprese di deteriorare la suggestione in ripetizione, l’allusione in astrusità, la seduzione del caso in una struttura di rispondenze troppo puntuali e troppo sistematiche, con il rischio di compromettere l’efficacia dell’ambiguità della femme fatale nonché della realtà della sua fatalità (vera vampira o donna innocente e sfortunata ingiustamente perseguita dall’immaginazione troppo parziale di uno scrittore che gioca a esibire un libertinismo intellettuale e comportamentale che in realtà cela forti inibizioni religiose e sociali?). La parte migliore rimane la prima, diretta con mano disinvolta da un regista allora promettente.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloanno
Spetters1979

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  5. 10

    Dune (libro , 1984)

    di