Fate ignoranti, Le

8 marzo 2004

C'è di tutto, in quella che vorrebbe essere una celebrazione della libera diversità, ma che finisce col trasformarsi nel suo opposto. Le fate ignoranti appare un film di ambizioni superiori alle effettive capacità in campo: vorrebbe celebrare la famiglia allargata, ma non sa riempirla che con luoghi comuni e personaggi stereotipi: i soliti gay sarcastici (qui ci vorrebbe almeno una sceneggiatura brillante, che manca), le solite trans stile drag queen, i soliti gay che stanno morendo di AIDS...

L'alternativa a questi luoghi comuni del cinema sull'omosessualità (benché ovviamente rispecchino realtà oggettive e rispettabilissime: gli stereotipi non nascono dal nulla), dovrebbe essere rappresentata dal protagonista, in realtà personaggio irritante, emotivamente instabile e immotivatamente aggressivo, la cui stessa omosessualità appare infine revocabile.

Se poi siete concordi con l'imponente macchina commerciale che sta cercando di vendere Accorsi come il nuovo Mastroianni, allora c'è anche possibilità che il film vi piaccia.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloanno
Cuore sacro2004
Saturno Contro2007
autoretitologenereanno
Giuseppe IaculoIdentità gay, Lesaggio2002
Roberto SchinardiCinema gay, l'ennesimo generesaggio2003

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 3

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 6

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  5. 7

  6. 8

  7. 10

    UnHung Hero (film, 2013)

    di