Grief

9 maggio 2004

Nonostante alcuni buoni elementi del cast e una sceneggiatura a tratti felice, il film non riesce mai a decollare e rimane intrappolato nella sua verbosità, soffrendo per una regia televisiva a corto di mezzi e di idee, che non riesce a dare ai toni comici la verve sufficiente a bilanciare quelli drammatici, che diventano sempre più grevi. Ne esce un film buono giusto per i festival gay, come dimostra del resto l'abbondanza di temi che complicano l'intreccio: paura dell'aids, stili di vita diversi che si scontrano su distanti concezioni della vita sessuale, omofobia sul posto di lavoro, indecisione di gusti sessuali, un tocco di follia iconoclasta vagamente camp (nelle sceneggiature pensate per la serie tv).
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloanno
Fluffer, The2001