L'imbalsamatore

25 maggio 2004

Qualcuno è rimasto perplesso di fronte a questo film che rischiava di rilanciare lo stereotipo dell'omosessuale killer, per altro ispirandosi vagamente a una vicenda di cronaca nera di qualche anno prima. Ma è un film cupo e claustrofobico, nonostante gli ampi spazi (sia in interni che in esterni) nei quali è girato, del tutto privo di eroi e di antagonisti. Tutti i personaggi sono parimenti ambigui e insufficientemente attraenti per vincolare il pubblico a un'intepretazione manichea. Giocando con le ambiguità morali del noir, Garrone costruisce un film dignitoso, inconsueto e interessante nel panorama del cinema italiano, e per questo tanto più meritevole di vedersi riconosciuti i suoi pregi. Tra i quali è da annoverare l'interpretazione del protagonista, che riesce bene a rendere tanto l'umanità quanto la passività aggressiva di Peppino, che certo non ha un impatto positivo sullo spettatore, ma non lo ha nemmeno la debolezza del bambolotto Valerio. 
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Pose (serie tv, 2018)

    di

  2. 2

  3. 3

    Gold (canzone, 2020)

    di

  4. 6

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  5. 9

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 10

    Accendimi di desiderio (libro, 2004)

    di Vari