Congedo ordinario

3 settembre 2004

Racconto lungo.

Attraverso la rievocazione della vita di Tommaso, un intellettuale di provincia, omosessuale, appena morto, Severini propone una bella galleria di tipi umani, della Provincia "nobile", dell'Italia del dopoguerra. Sempre sospeso tra affetto nostalgico e orrore di questo mondo, il suo racconto è anche un'analisi del destino dell'omosessuale di provincia nell'Italia del dopoguerra, mescolata a una riflessione sul senso dell'invecchiare, e del ruolo degli affetti nella vita.

 

Al solito, intenso, elegante, lievemente malinconico, ma molto bello.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Francesco GnerreEroe negato, L'saggio2000
Francesco Gnerre, Gian Pietro LeonardiNoi e gli altrimiscellanea2007
Andrea PiniQuando eravamo frocisaggio2011
Gilberto SeveriniA cosa servono gli amori infeliciromanzo2010
Gilberto SeveriniBreve autunno, Unromanzo1991
Gilberto SeveriniFuoco magicoracconti1988
Gilberto SeveriniPartnersracconti1988
Gilberto SeveriniQuando Chicco si spoglia sorride sempreracconti1998
Gilberto SeveriniRagazzo prodigioromanzo2005
Gilberto SeveriniSartoria, laromanzo2001

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 6

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  5. 7

  6. 8

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  7. 9

    Greta (film, 2019)

    di