Per guarire i teledipendenti

8 settembre 2004, G&L n° 9 - dicembre 2003

Si può “diventare” gay per inseguire la fama? Ivan Cotroneo racconta qui l’importanza dell’apparire, in una società in cui le risposte esistenziali le dà un passaggio in televisione.

Protagonista è Andrea, un bellissimo giovane napoletano che sbarca a Roma in cerca del successo. La sua vita è impegnata in corsi di recitazione, dizione, danza, tanta palestra per un fisico perfetto, e migliaia di provini senza alcun risultato.

Inseguendo il piacere, il giovane si accoppia tanto con donne che con uomini, e quando è solo si dedica a immaginarsi immerso nel successo.

Sarà l’incontro con Martina a cambiargli la vita: la giovane è autrice in un programma in cui Andrea sarà invitato a fare la parte di un ragazzo che, messo alle strette dalla propria fidanzata, confessa in diretta di essere gay.

Da qui l'inizio di una spirale di angoscia: il ragazzo è spinto verso un gesto che lo porterà sì alla notorietà, ma in modo molto diverso da come si aspettava.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Matteo Bianchi, Ivan Cotroneo, Mario Fortunato, Walter Siti, Valeria Viganò, AA.VV.Cinque semplici respiriracconti2011
Ivan CotroneoCronaca di un disamoreromanzo2005
Ivan CotroneoUn bacioromanzo2010
Francesco Gnerre, Gian Pietro LeonardiNoi e gli altrimiscellanea2007
titoloartistaanno
Hurts (Remix)Mika2016