Funny boy. Un libro splendido.

Recensione di Marino Buzzi per Anobii. Riedita per gentile concessione dell'autore.


Quello di Shyam Selvadurai è davvero un libro splendido. Non so come altro definirlo, Funny Boy è uno di quei libri che leggi pensando che hai fra le mani qualcosa di prezioso, uno di quei libri che vorresti rileggere più volte, che ti senti di consigliare a chiunque sia interessato alla letteratura.
La storia si pare con il giovane protagonista, Arjie, che ci accompagna dentro le vite della sua famiglia e della sua terra, lo Sri Lanka. Le prime pagine ci fanno conoscere un bambino che ama giocare alla "sposa", che adora i vestiti della madre e le cerimonie, che preferisce giocare con le bambine piuttosto che con i maschi. È con lui che entriamo nella casa dei suoi nonni, il teatro, una volta al mese, dei giochi infantili suoi e delle sue cugine. È un inizio allegro che fa pensare a un libro leggero e divertente, è solo un'illusione perché attraverso una scrittura intensa e mai banale l'autore ci costringe a ricordare o a scoprire (per chi non la conosce) la storia delle tensioni razziali sfociate poi nella sanguinosa guerra civile del 1983.

Arjie vive con una crescente consapevolezza il susseguirsi degli eventi e mentre la storia fa il suo corso lui vive le storie della sua famiglia. La sua, quella di un bambino che non è come gli altri e che si innamora del suo amico/complice Shehan ma anche quella di zia Radha innamorata di un singalese e promessa a un altro uomo, o di sua madre e della sua relazione con uno "zio" di un'altra cultura o, ancora, suo padre segretamente innamorato di una donna occidentale a cui ha da tempo rinunciato. Dai corridoi della casa di Ammachi e Appachi (la nonna e il nonno), di generazione tamil, dove i bambini e le bambine trascorrono la propria infanzia la storia si sposta fra le strade sempre meno sicure di uno Sri Lanka sull'orlo di una crisi politica e sociale in cui le differenze razziali hanno il sopravvento sulla ragione. Il giovane Arjie, abbandonato il sari usato per vestirsi da sposa, si ritrova immerso in una realtà ostile e violenta che non lo accetta non solo per il suo orientamento sessuale ma anche per le sue origini culturali e sociali. Uno spaccato di vita che ci porta a riflettere su quanto l'odio verso il "diverso" sia pericoloso non solo per il singolo individuo ma per l'intera società.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Arthur Clarke, Frederick PohlUltimo teorema, L'romanzo2012
Christian GuryHonneur professionel d'un bourreau homosexuel en 1847, L'saggio1999

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  2. 4

  3. 9

    Sukia (fumetto , 1978)

    di