Giovinotta, La. Femminismo e omosessualità nella Parigi del primo dopoguerra.

4 febbraio 2005

Bel romanzo sulle inquietudini morali e ideali della generazione del primo dopoguerra. Scritto nel 1922, ebbe in Italia almeno quindici edizioni, nonostante parli di omosessualità e lesbismo (in modo forse critico ma mai denigratorio).

Il romanzo descrive il contraccolpo sociale dato alla concezione tradizionale dei rapporti fra i sessi dalla prima guerra mondiale, che aveva visto milioni di donne sostituire sul posto di lavoro gli uomini che erano al fronte, facendo loro scoprire per la prima volta d'essere perfettamente in grado di fare le stesse cose che fanno i maschi.

L'azione si svolge a Parigi, dove la protagonista, svegliata bruscamente alla vigilia delle nozze dal suo tradizionale sogno d'amore, per un inganno cinico del fidanzato, ripudia la morale borghese e la famiglia, e rinasce come garçonne, ragazza emancipata che ha nei confronti del sesso e dell'amore, della vita e del lavoro, lo stesso atteggiamento disincantato dei signori uomini.

Attorno a lei numerosi sono gli omosessuali e le lesbiche: Pietro Souzais, Cecile Meere, il marchese d'Entraygues sono omosessuali, Elisabeth (Zabeth) Meer, Ginette Morin, Niquette, Michelina d'Entraygues sono lesbiche. Si vedano le pp. 13-15, 17, 67-68, 70-71, 153, 185, 194-195 (quest'ultima è addirittura un'orgia organizzata dal gruppo delle amiche lesbiche in un bordello).

La stessa protagonista, disgustata dagli uomini, passa un periodo della sua vita come amante di Niquette (pp. 122-137).

Il finale la vedrà però felicemente sposata con un uomo abbastanza "femminista" da capire le sue aspirazioni. La morale è: signori uomini, se volete che le donne vi sposino, ricordate che sono vostre pari. Pas mal.

Vivace ma mai volgare è la descrizione della vita lesbica di Parigi di quegli anni, divertite ma mai denigratorie le descrizioni dei maneggi amorosi dei personaggi gay.

Un'opera interessante, e oltre tutto anche ben scritta, che a tratti suona tanto "moderna" da farci capire che il fascismo non si limitò a "fermare" l'Italia per un ventennio, ma la fece tornare indietro di trent'anni (in questo, come negli altri campi) rispetto al livello di dibattito e di teorizzazione già possibile nel 1922.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
José-Louis Bocquet, CatelKiki de Montparnassebiografico2008
Clément OubrerieZazie nel metròdrammatico2011
Joann SfarPascinbiografico2008
autoretitologenereanno
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Homosexuality in Modern Francemiscellanea1996
AA.VV.On Monique Wittigsaggio2005
AA.VV.Politica del corpo, Lasaggio1976
AA.VV.Principesse azzurreracconti2003
AA.VV., Franca Casamassima, Bettina Corvini, Nerina Milletti, Elsa Lusso, Gigi Malaroda, Jole Baldaro Verde, Valentina ManziniIdentità omosessuale, L'miscellanea1996
AHEADCombattere l'omofobiasaggio2011
Dennis AltmanOmosessuale, oppressione e liberazionesaggio1974
James BaldwinCamera di Giovanni, Laromanzo1962
Manfred Baumgardt100 Jahre Schwulenbewegungmiscellanea1997
Tutti i risultati (107 libri) »
titoloautoredata
Il matrimonio del fabbro
La sottocultura dei sodomiti nella Parigi del Settecento
Michel Rey31/08/2004
titoloartistaanno
Far away (Jesus is gay)Niklas von Wolff, Gael Hausmann2007
You do something to meSinead O'Connor1991

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

  3. 5

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  4. 7

  5. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 9

    Altri libertini (libro, 1980)

    di