Città degli amanti, La [1929]

11 febbraio 2005

Romanzo del 1929, ristampato innumerevoli volte (per esempio: Oscar Mondadori, Milano 1979).

Due innamorati italiani arrivano in una città del Texas costruita per dar sfogo a tutti i capricci amorosi dei ricchi, che ovviamente finirà per crollare (come già Sodoma e Gomorra...) sotto il peso della propria immoralità. Loro due soltanto si salveranno, grazie alla purezza del loro amore...

Fra i personaggi presentati in questa città appare (parte III, 1, 8, pp. 196-8) il turpe Graf von Geierfelsen [i tedeschi, si sa, sono tutti omosessuali], che succhia fluido vitale (non fatemi spiegare...) da un harem di giovanotti al suo servizio. Bacchelli non osa rompere il tabù che proibiva di nominare apertamente l'omosessualità, dopo averla evocata, e allora vi allude di sbieco, parlando dell'harem come di una nuova "sacra coorte tebana" (cioè il "battaglione degli amanti") i cui componenti "leggono tutti Corydon di André Gide", (cioè l'apologia dell'omosessualità più "scandalosa" ed esplicita dell'anteguerra). Cenni prudenti, comprensibili solo a chi già conoscesse il carattere omosessuale dei fatti a cui si allude.

Alle pp. 208-9 (III, 2, 5) una perfida e anonima donna svizzera irretisce alla danza la civetta Nissa, iniziando lei e altre a (oh, fremito!) "pratiche lesbiche" (p. 209). E a p. 216 è nominata la celeberrima ballerina (lesbica) Isadora Duncan in modo tale da rivelare che è lei la destinataria di questo maligno ritratto.

Infine le pp. 219-233 (capitolo "L'orco", III 3) racconta la squallida morte di Geierfelsen, a cui ormai il... sangue (!) che succhia dai ragazzi non riesce più a garantire la vita.

Non mi si sgridi, ma la parte che m'ha davvero avvinto di questo romanzetto è la lunga, drammatica digressione di Bacchelli sulla rotta di Caporetto, durante la quale il protagonista incontra la protagonista. Un brano potente, avvincente: da antologia.

Il resto, quando si parla di sessualità, è francamente puerile.

Allusioni sparse anche alle pp. 53-55 e 64-65.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloanno
Petomane, Il1983
autoretitologenereanno
AA.VV.Franco italica n. 6miscellanea1994
AA.VV.Gay roots 2miscellanea1993
AA.VV.Homosexuality in Modern Francemiscellanea1996
AA.VV.Littérature et homosexualitésaggio2003
Kazimierz BrandysHotel d'Alsace e altri due indirizzibiografia1993
Jean CocteauDiario di uno sconosciutomiscellanea1988
Bram DijkstraIdoli di perversitàsaggio1988
J. Z. EglintonGreek lovesaggio1971
Christian GuryHonneur piétiné d'un domestique homosexuel en 1909, L'saggio1999
Julian JacksonArcadie:saggio2009
Tutti i risultati (20 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

  4. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 7

    Mani di fata (film, 1983)

    di

  6. 8

  7. 10

    Altri libertini (libro, 1980)

    di