Per una cultura senza omofobia

17 marzo 2005, Toscana Gel n° 17 - agosto 2004

Online anche qui


Forse non sarà una lettura leggera da ombrellone, ma questo volume di Tommaso Giartosio è un prezioso contributo alla definizione di una cultura gay italiana. Immaginando un dialogo con un ipotetico interlocutore scettico (ma il botta e risposta corrisponde più a un’intervista che a un vero dialogo con opposte posizioni), l’autore espone le sue affascinanti teorie sulla letteratura, sull’esistenza di una cultura gay, sul contributo che gli autori omosessuali possono dare alla letteratura in generale e alla definizione di una comunità glbt italiana. Alcune pagine del libro conquistano e avvincono come i più grandi saggi, come quelle in cui Giartosio si avventura in una interpretazione in una chiave puramente gay del canto XV dell’Inferno dantesco, quello in cui il poeta visita tra i sodomiti il suo mentore Brunetto Latini. Oppure quelle che contengono la critica lucida e incisiva fatta alle opere di Pasolini, o di Levi, e di altri autori anche meno conosciuti. La mole delle opere citate rende imperdonabile l’assenza di una bibliografia nel volume. Ma ciò che emerge con maggiore forza dalle pagine di Perché non possiamo non dirci è la passione di uno studioso che cerca di affrontare le tematiche della critica letteraria e dell’analisi del movimento glbt, andando a scovare e rimuovere con certosina pazienza ogni traccia di omofobia che nel corso dei secoli si è annidata nella letteratura di tutti i generi, inclusa quella definita omosessuale.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Perché non possiamo non dirci

titoloautorevotodata
Perché non possiamo non dirciGianni Rossi Barilli03/08/2004

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Tommaso GiartosioDoppio ritrattoracconti1998
Francesco GnerreEroe negato, L'saggio2000
Francesco Gnerre, Gian Pietro LeonardiNoi e gli altrimiscellanea2007
Gianfranco Goretti, Tommaso GiartosioCittà e l'isola, Lasaggio2006

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 5

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 7

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  4. 10