Il club delle promesse

20 marzo 2005, "Pride", gennaio 2005

Reduce da un buon successo in patria, è uscito sugli schermi italiani il francese Il club delle promesse (in originale il titolo però corrisponde a "Aiuto, ho trent'anni!"), diretto da Marie-Anne Chazel.
Anche qui tre personaggi: Kathy (Giovanna Mezzogiorno), Tara (Nathalie Corré) e Yann (Pierre Palmade). I tre, amici sin dall'infanzia, lasciano la Bretagna in cui sono nati e si trasferiscono a Parigi.
Mentre Yann vive serenamente la sua relazione col compagno Alfredo, le sue due amiche vivono male la loro sfera affettiva: Kathy è sola e ben decisa a tenere lontani gli uomini, Tara, frustrata dal fidanzato tirannico, è bulimica. Quando Yann scopre di essere malato irreversibile, chiede alle amiche di contentarlo dandosi una sistemata sul piano sentimentale.
Tratto da un libro, il film è una commedia simpatica (anche se spesso dà l'impressione di una certa letterarietà). Acuta nei dialoghi a volte sferzanti, trova nel personaggio di Yann l'elemento di spicco, su cui converge tutto il gioco della vicenda e la maggiore umanità. Cosa non certo frequente al cinema in un personaggio gay, che però, ahinoi, non sfugge a banalità e stereotipi
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 6

  5. 7

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  6. 8

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  7. 9

    Greta (film, 2019)

    di