Un trattato sulla prostituzione maschile

20 aprile 2005

Ex commissario di polizia, Carlier dedica questo ponderoso trattato alla prostituzione, suddividendolo equamente tra prostituzione femminile e maschile (il termine che usa è "prostitution antiphysique"). La parte sulla prostituzione maschile si divide in sette capitoli, il primo dei quali, di carattere introduttivo, è forse quello più curioso per comprendere la mentalità del tempo e i luoghi comuni più diffusi sulla pederastia.


Carlier inizia con una sofferta limitazione di campo: si occuperà solo del lato "visibile" della pederastia, cioè della prostituzione, tralasciando "tutto ciò che è intimo" (p. 277), poiché la pederastia in sé non è più reato in Francia (dal 1791). Dico "sofferta" perché si capisce facilmente dove voglia andare a parare l'autore, anche prima di arrivare al VII capitolo dove la sua proposta viene esplicitata: Carlier vorrebbe che la pederastia in sé tornasse a essere reato, poiché fonte di crimini anche più della prostituzione femminile, cui non deve essere perciò equiparata (Carlier si oppone esplicitamente all'idea di creare bordelli per pederasti).


Ma il trattato finisce con l'essere un documento piuttosto interessante per ricostruire (anche grazie alle lettere private che Carlier ha trascritto e così conservato) un certo ambiente sociale (specificamente quello della prostituzione maschile parigina) e una certa forma di "comunità omosessuale" (a più riprese - ad es. a p. 283 - l'autore mette l'accento sulla solidarietà che lega i pederasti, solidarietà che emerge dalle lettere già ricordate). Prende così vita un mondo popolato da tapettes, corvettes, jesus e petit jesus, prostituti alle prime armi, mezzani navigati e militari disponibili (e particolarmente ricercati, giura Carlier: ad essi dedica gran parte del capitolo V) in cerca di guadagni rapidi, che battono per strada, ai "water-closets des Halles" (p. 301), in retrobottega con doppie entrate, ecc.


Ovviamente l'ottica di Carlier è fortemente repressiva: non è immune a nessuno dei luoghi comuni diffusi al suo tempo e considera i pederasti effeminati "inutili alla società" ed estranei "ai sentimenti più nobili, quelli del patriottismo e della famiglia" (p. 280), oltre che all'amore poiché (!) non possono fare figli (pp.286-7). Per lui i pederasti "sono semplicemente dei malati" (p. 282) (di "una specie di malattia cerebrale", p. 468, non meglio precisata) e sono quindi infidi, falsi e cinici (p. 286), "privi di senso morale" (p. 293) e ossessionati dal sesso, come dimostrano anche i disegni osceni che spesso decorano le loro lettere (p. 310). La sola passione positiva che hanno è quella per la musica (p 310).


I capitoli II e III approfondiscono tipologie e classificazioni dei prostituti pederasti e della loro organizzazione professionale (infatti "esercitano un mestiere, quello di pederasta, come altri fanno i meccanici o i gioiellieri", p.354), allargando lo sguardo anche alla clientela.


Il capitolo IV sposta l'attenzione sui crimini che si commettono nell'ambiente della prostituzione e sui rischi che corrono i clienti.


Il capitolo VI è di un certo interesse perché sottolinea come la pederastia non sia un'esclusiva dell'ambiente urbano (che invece all'epoca era spesso additato come origine di tutti i mali) e che a Parigi il fenomeno è solo più evidente, ma esiste però anche in provincia (anche qui sono riportate lettere molto interessanti di pederasti "di campagna" che spiegano come organizzano la loro vita notturna e i loro incontri). Lo sguardo di Carlier si allarga poi a considerare sommariamente la situazione della pederastia in altri Paesi, da quelli più tolleranti (Turchia, Italia) a quelli più repressivi. Il capitolo include anche la discussione di un trattato di Ulrichs (pp. 455-461), riassunto con dovizia di particolari (e poi ovviamente deriso).

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Jean-Jacques Régis de Cambacérèsgiurista, politicoVari1753 - 1824
Fritz HaarmanncriminaleVari1879 - 1925
Luigi PissavinipoliticoGiovanni Dall'Orto1817 - 1898
autoretitologenereanno
José-Louis Bocquet, CatelKiki de Montparnassebiografico2008
Clément OubrerieZazie nel metròdrammatico2011
Joann SfarPascinbiografico2008
autoretitologenereanno
AA. VV.A queer worldbibliografia1997
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Homosexuality in early modern Francesaggio2001
AA.VV.Homosexuality in Modern Francemiscellanea1996
AA.VV.Romanzi erotici del '700 franceseromanzo1995
AA.VV.Stare insiememiscellanea2001
AA.VV., Mark BlasiusWe are everywheredocumenti1997
AA.VV., Asher Colombo, Marie-Ange Schiltz, John de Wit, Luca Pietrantoni, Massimiliano Sommantico, Hans SchadeePolissaggio1999
AHEADCombattere l'omofobiasaggio2011
Walter Andrews, Mehmet KalpakliThe age of belovedssaggio2005
Tutti i risultati (162 libri) »
titoloautoredata
Il matrimonio del fabbro
La sottocultura dei sodomiti nella Parigi del Settecento
Michel Rey31/08/2004
L'amore tra maschi ai tempi di Oscar Wilde (e della regina Vittoria)
I due processi ad Oscar Wilde
Vari08/01/2013
Risorgimento gay
Per i 150 anni dell'Unità d'Italia
Francesco Gnerre05/01/2013
titoloartistaanno
Far away (Jesus is gay)Niklas von Wolff, Gael Hausmann2007
You do something to meSinead O'Connor1991

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 4

    Lenny (film, 1974)

    di

  3. 8

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 9

    Accendimi di desiderio (libro, 2004)

    di Vari