Secreta cura [1995]

Il tempo che intercorre tra le ultime due opere della poetessa siciliana Daniela Monreale (Secreta cura, L'Autore Libri, Firenze 1995; Il limite dell'orizzonte, Spring edizioni, Caserta 1999) segna il passaggio da una metrica più materica a una più "franta", come la stessa autrice sottolinea parlandomi.
Al mutamento fa da sgabello la stessa solida rappresentazione dei gesti e dei sentimenti che caratterizzano la scrittura in versi di Daniela Monreale.
Non c'è possibilità di tergiversare infatti in questo labirinto di pensieri "secreti".
Da parole e scenari precisi è il tormentante intrecciarsi di amore e destino che tracima dai versi...
Tuttavia questo autorincorrersi solitario (l'interlocutore virtuale appare ieratico quasi capriccioso, "inafferrabile") è dominato dalla fitta rete delle riflessioni e delle immagini che la poetessa costruisce con distacco che è rispetto (per il mistero e l'incanto delle cose) ma anche capacità di presagire e valicare il significato noumenico di ciò che appare.

Ciò che la poetessa mi conferma, è vero: la sua parola poetica nel rifiuto della ridondanza affascina e incuriosisce il lettore che può così seguire il percorso della scrittrice.

Un percorso che (come quello di molti poeti anche non scriventi) mira mi pare in fondo a rinnovare l'ineffabile capacità di stupore e sorpresa che ci lega comunque alla "faticosa bellezza" di "questo stretto (umano?) orizzonte"


***

Segnalo inoltre a cura di Daniela Monreale l'opera:
Helle Busacca, Poesie scelte, introduzione di Ernestina Pellegrini, Ripostes, Salerno 2002, pp.110, euro 10

Si tratta di una pregevole antologia, corredata da materiale fotografico, di opere della poetessa messinese Helle Busacca (Sampiero Patti 1915 - Firenze 1996), "scrittrice oggi quasi dimenticata ma sulla cui originalità letteraria, nonché superba inattualità, ci piace oggi scommettere.

È stata definita una 'Antigone dei tempi moderni', una figura tragica che ha sempre pensato la poesia, anche la più lirica, la più personale, come 'un atto di fede sociale'...
Nelle sue opere, le fonti classiche si mescolano a certa poesia americana, da Pound ai portavoce della
Beat Ganeration, e la fisica quantistica si lega con le filosofie orientali e magari con l'astrologia... ha incontrato l'ammirazione di autorevoli lettori, come Mario Luzi, Luciano Anceschi, Sergio Solmi e Oreste Macrì...". (dall'ultima di copertina)

Di Helle Busacca hanno scritto anche Maurizio Cucchi, Idolina Landolfi, Carlo Bo, Claudio Marabini.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 6

  4. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  5. 10

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di