I gay celebri della Storia

30 maggio 2005, originariamente in "Gay.it", 13 marzo 2002. In questa sede è rivisto.

Qualche sera fa ho assistito, in un caffè, ad una discussione, di questo tenore, tra due omosessuali: "Lo sai che anche Leopardi era gay? Anche Montgomery Clift è una "sorella". Greta Garbo era lesbica ed erano dei nostri anche lo scrittore Gogol e Freud.".

Pian piano, forse anche a causa del buon gin che veniva servito abbondantemente i due incominciarono a 'sparare' proprio alto: "Ti giuro che Andersen quello che ha scritto la fiaba del brutto anatroccolo era gay insieme ad Achille, l'eroe dell'Iliade, Nerone e Nietzsche vediamo se te ne ricordi altri" e l'altro ribattè "E va bene io dico che era finocchio pure Giovanni Della Casa quello che ha scritto Il Galateo e che era lesbica Marguerite Yourcenar che ha scritto Memorie di Adriano, gay pure lui che andava a letto con Antinoo, ma a questo punto mi devi offrire le prove che lo siano effettivamente stati sennò posso benissimo sostenere che Gesù Cristo e i suoi apostoli fossero il primo nucleo di militanza gay!".

La dotta discussione terminò più o meno così. Entrambi ricordavano, per sentito dire, i nomi di 'presunti' gay famosi. Ma avremo mai la certezza che il personaggi citati lo siano stati realmente?

I due volumi di Who's Who in gay & lesbian History di Robert Aldrich e Garry Waterspoon finalmente ci offrono una risposta esauriente ed efficace alla nostra domanda perché, in novecento pagine, raccolgono ed elencano più di cinquecento celebrità gay dall'antichità ai giorni nostri offrendone per ogni celebrità una vasta bibliografia.

Who's Who in gay & lesbian History, il più vasto repertorio biografico di gay celebri mai pubblicato,è un testo irrinunciabile per gli storici, i giornalisti i tesisti e gli studiosi di sessualità e omosessualità.

Ma ha senso un elenco di gay?
La domanda andrebbe sottoposta ad un noto
giornalista di "La stampa" che ha recentemento sostenuto che il pittore Sodoma, di nome e di fatto, non preferisse i giovanotti o ad un giornalista del supplemento cultura della domenica de "Il Sole 24 Ore" che in una breve biografia dello scrittore Mishima non si è sognato di accennare all'omosessualità dello scrittore... e a tanti altri negazionisti.

Con il Who's Who in gay & lesbian History sarà difficile negare anche perchè gli autori non hannop inserito nomi frutto di semplici dicerie ma ogni voce è supportate da un valido lavoro di ricerca e da una biografia puntuale.

Nella discussione da cui siamo partiti, ad esempio, tutti i personaggi citati erano omosessuali tranne Gesù Cristo, di cui qualche storico nega addirittura l'esistenza, che nel testo non è citato, ma che, per esempio, figurava in una vecchia e poco informata raccolta di gay celebri (Homosexuels & Lesbienne Illustres di Pierre Duroc).

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 6

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  5. 7

  6. 8

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  7. 9

    Greta (film, 2019)

    di