Brothers

11 agosto 2005

Concepita già alla fine degli anni '70, in seguito alla scoperta dell'AIDS Brothers rimase nel cassetto fino alla metà degli anni '80, quando l'avvento delle cable-tv permise un significativo ampliamento dello spettro degli argomenti affrontabili, in virtù della nuova possibilità di differenziazione dell'offerta. Brothers fu la prima sit-com prodotta per la tv via cavo.


Brothers è incentrata su tre fratelli che gestiscono un bar: il minore, Cliff, è gay, anche se ancora un po' indeciso, mentre il maggiore è vagamente omofobo. Del resto il suo annuncio è piuttosto scioccante, dal momento che avviene a ridosso del suo matrimonio ovviamente annullato.

Perché l'omosessuale possa divenire protagonista occorre che non sia troppo manifesta la sua tendenza: e infatti Cliff non ha traccia di effeminatezza, è intelligente, simpatico, atletico, ecc.

L'omosessualità più dirompente, e insieme più stereotipa, può sfogarsi invece in un personaggio secondario, quello di un amico decisamente effeminato, Donald, che nel tempo cresce di importanza fino a divenire fondamentalmente coprotagonista, occupando con facilità lo spazio lasciato aperto dal protagonista troppo anonimo e indeciso per fare presa sul pubblico.


Nel mondo protetto della tv a pagamento si fanno strada quadri inediti di socialità e di affettività gay, con feste, baci, scenate di gelosia, ecc., che fanno di Brothers una serie a suo modo pionieristica, ancorché non indimenticabile e piuttosto discussa.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 7

    Normal (film, 2019)

    di

  4. 8

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  5. 9

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di