Party selvaggio

13 agosto 2005

Nell'adattare un'opera di Joseph Moncure March del 1926 che descriveva il degenerare di un party al Greenwich Village, Ivory ne sposta la vicenda a Hollywood e ha chiaramente in mente lo scandalo che nel 1921 aveva travolto la carriera del comico Rosco Fatty Arbuckle (accusato di stupro di una minorenne durante un party nella sua villa). Per enfatizzare la crisi del suo protagonista, Jolly Grimm, Ivory ambienta la vicenda nel 1929: i ruggenti anni Venti stanno finendo, e sta finendo il cinema muto cui Jolly Grimm rimane anacronisticamente aggrappato.


Inoltre, allo stupro Ivory preferisce una sparatoria, ciò che i produttori chiedono a Jolly per salvare il suo ultimo mediocre film, incentrato su un fraticello alle prese con dei cannibali. Una sparatoria che chiude un party degenerato in orgia, in cui Ivory mette un po' di tutto, compresa una coppia di fratelli-amanti ("hanno dato un nuovo significato all'espressione 'amore fraterno'"), gaudenti infornate bisessuali e un'attrice lesbica erotomane che si è fatta mezza Hollywood e che durante il party seduce e si porta a letto una ragazza.


Ivory cerca di evitare che il tono del film risulti troppo greve intercalando gli eventi con canzoncine brillanti, facendo parlare uno dei protagonisti direttamente in camera e girando tutto senza aver l'aria di far la morale a nessuno, ma in questo modo rinuncia anche a essere graffiante e alla fine ne esce un film con poca personalità e troppe sbavature che restituisce un ritratto piuttosto stereotipo e scontato della Hollywood dell'epoca.

La colpa non è tutta del regista: il film è stato tagliato e poi rimontato dalla Nbc per il passaggio televisivo. Difficile dire cosa fosse in origine: oggi rimane solo la versione annacquata.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloanno
Bostoniani, I1985
Maurice1987

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 8

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  5. 10

    Dune (libro , 1984)

    di