Teranesia [1999]. Un lucido "puzzle" di fanta-biologia, con l'omosessualità come tassello.

In questo romanzo di fantascienza (o meglio di fantabiologia), raffinato e originale, anche se dal finale decisamente inquietante, l'omosessualità del protagonista Prabir Suresh non è elemento centrale della trama (che verte su un'isola su cui si innesca una misteriosa serie di evoluzioni biologiche inspiegabili).

Essa è tuttavia è ben integrata nel racconto, e a tratti è usata sottilmente come metafora stilizzata di una delle molte forme di forze che plasmano l'evoluzione.

Suresh ha un sacco di doti ma è pieno di sensi di colpa perché forse da bambino ha causato per un'imprudenza la morte dei genitori.

Ha preso cura di sé e della sorellina minore, negandosi ogni piacere, accettando tardi la propria omosessualità per non deluderla, fino a che proprio l'anticonformista sorella, ormai adulta, gli ha fatto conoscere Felix, che ora è il suo ragazzo.

Alle pp. 105-112 Felix e Prabir discutono da un punto di vista biologico del senso dell'omosessualità, e insolitamente la loro è una discussione né stupida, né gratuita, né omofoba.

La sessualità è forse un diamante creato dall'evoluzione per darlo in premio a chi si riproduce, e che gli omosessuali hanno "rubato" per sé?

O forse l'omosessualità è il lago che fiorisce nell'ansa cieca di un fiume che ha cambiato corso?

O è forse una strategia genetica per favorire gli altri membri della famiglia, prendendosi cura di loro... proprio come Prabir ha fatto con la sorella?

Successivamente vedremo Prabir considerare l'ipotesi d'un rapporto sessuale con una biologa a cui si è unito per investigare sul mistero dell'isola (pp. 166-167), ma questo desiderio, insolito per lui, a p. 285 si rivelerà in effetti come provocato da... non lo dico per non sciupare il piacere della lettura (anche se va detto che il finale è un po' debole, rispetto alla suspence sapiente di tutto il romanzo).

Unanime è il parere dei lettori secondo cui Egan, concentrandosi molto sul "puzzle scientifico", ha creato personaggi un po' bidimensionali.

Ciò è vero, ma la riuscita dell'insieme è tanto buona che questo difetto non vi guasterà il godimento della lettura.

Che è quindi consigliata a tutti gli appassionati del genere.


Interessante è infine anche il sito di Egan, contenente fra le altre cose una "postfazione" a Teranesia.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Maureen ListenQuesto terzo sesso che non è un sessocomico1995
autoretitologenereanno
AA.VV.Transessualismo, Ilmiscellanea1997
AA.VV., Greg Egan, Ian McLeodStrani universi 2romanzo1999
AA.VV., Obiettivo ChaireABC per capire l'omosessualitàdizionario2005
AA.VV., Brian Stableford, Greg Egan, Ted ChiangMille e una galassiaracconti2004
Abrabanel, Jehuda, detto "Leone Ebreo", Leone EbreoDialoghi d'amoreopera filosofica1929
Bruce BagemihlBiological exuberancesaggio1999
Susan Coates, Richard Friedman, Sabrina WolfeEziologia dell'identità di genere del bambino, L':saggio1995
Antonella Di LuoffoEducazione al rispetto delle omosessualitàsaggio2008
Greg EganAxiomaticracconti2003
Greg EganDistressromanzo2002
Tutti i risultati (27 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

  4. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 7

    Mani di fata (film, 1983)

    di

  6. 8

  7. 9

    Altri libertini (libro, 1980)

    di