Le sue fiamme sfogando ad una ad una

13 aprile 2013

La poesia di Kavafis vive spesso di memoria e nostalgia: ancor più che nelle famose liriche rievocanti il passato ellenico, però, questo elemento si avverte con particolare acutezza nei versi di contenuto erotico. L’erotismo di Kavafis è una delle sue stanze ad Alessandria d’Egitto, dove tendaggi e persiane schermano la luce d’un sole torrido e accecante: il calore dei raggi, il bagliore incandescente che tormenta le strade polverose si sentono in tutta la loro veemenza, ma dietro ad un velo; le rimembranze di corpi e godimenti riemergono dalla foschia del tempo: se ne intuisce con un brivido momentaneo la potenza intatta, ma il peso degli anni che passano le lasciano brillare solo a scaglie. Nei versi apparentemente spogli del poeta alessandrino tornano in vita per un attimo ragazzi bellissimi, amati per qualche settimana, per una notte, per il tempo effimero d’un’occhiata, ma conservati per sempre come, in una bellissima lirica, fa l’antico specchio in una casa ombrosa in silenzio, quando trattiene l’immagine d’un bellissimo garzone penetratovi un istante per una consegna. Kavafis, poi, è soprattutto poeta di sguardi: non è difficile, ancor oggi, figurare i suoi giuochi di seduzione interamente intessuti di adocchiamenti fugaci o di guardate trattenute e scambievoli; sottili e raffinate liturgie erotiche levantine celebrate tra maschi fra bottegucce, vie anguste, caffè fumosi dove si abbandonano sul tavolo gli ultimi risparmî d’un lavoro meschino e malpagato. Poi, lontano, anche se per poco, per troppo poco, dalle famiglie e dalle leggi insensate della società, in una camera d’una casa equivoca, un’ombra fuggitiva di piacere: solo una notte, e mai non fosse l’alba. Ma l’aurora, nella realtà, arriva sempre troppo presto. Nei versi di Kavafis le notti sono infinite, e i corpi rimangono abbracciati per sempre.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
J. Z. EglintonGreek lovesaggio1971
Konstantinos KavafisEroi, amici, amantipoesia2006
Robert LiddellKavafisbiografia1998
Duane Michals, Konstantinos KavafisAdventures of Constantine Cavafy, Thefotografia2007
Nico NaldiniAlfabeto degli amicibiografia2004
Vincenzo PatanèOasi gaysaggio2010
Luca Trappolin, Barry Adam, Jeffrey Weeks, Cirus Rinaldi, Beatrice Gusmano, Daniela Danna, Giovanni Campolo, Elisabetta Ruspini, Massimo Greco, Maya De Leo, James Dean, Anna Passarini, Pasquale Quaranta, Sasha Roseneil, Chiara Bertone, Margherita BottinoOmoSapiens .3miscellanea2008
Kostas UranisKavafissaggio2000

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 3

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  4. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 7

  6. 8

  7. 10

    UnHung Hero (film, 2013)

    di