Apartments

14 settembre 2005, Pride n° 75 - Settembre 2005

Autore italiano tra i più versatili, Otto Gabos raccoglie ora in volume una miniserie già comparsa a puntate qualche anno fa, rivedendo testo e disegni e arricchendo il romanzo con un prologo realizzato ex-novo. Apartments: storie del dopobomba, ma raccontate da un punto di vista insolito.

In una città dei nostri tempi scampata alla catastrofe, gli abitanti si risvegliano cambiati. Sono vivi grazie ad una cupola energetica, ma quasi tutti hanno subito delle orrende mutazioni fisiche. L’unica cosa che possono fare è continuare la loro vita di sempre. Il dottor Mazel, anatomopatologo, viene incaricato dalla polizia di spiare i coinquilini del suo palazzo…

Apartments è un fumetto corale bizzarro, struggente e malinconico. Più che alla fantascienza assomiglia a un Altman innestato - è il caso di dirlo - con Cronenberg e Polanski, rimanendo in campo cinematografico. Tra i personaggi protagonisti del racconto, una coppia gay formata da un architetto macho con la testa di pietra e un parrucchiere checca con le orecchie a punta. Nonostante la complessità della storia, certamente meditata e ricca di sfumature psicologiche accattivanti, Apartments cade proprio nel come viene delineata la coppia gay, incappando in stereotipi parecchio abusati. Il disegno sporco, nervoso, molto diverso dallo stile adottato negli ultimi tempi da Gabos, è adatto al tono intimista e tragicomico delle storie ma rende un po’ faticosa la decifrazione delle tavole.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  2. 3

  3. 4

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  4. 8

    Domino dancing (videoclip , 1988)

    di

  5. 10

    Ludwig II (libro , 1987)

    di