Portrait of Jason

19 novembre 2005

A metà tra confessione spontanea e performance consapevole, Portrait of Jason è uno dei testi più noti della scuola documentaristica del cinema diretto e uno dei più interessanti documenti underground dell'epoca.

La regista filma per ore e ore (anche se il montaggio finale riduce il tutto a 100 minuti), senza soluzione di continuità, un prostituto gay di colore che, nell'arco di una notte, rievoca i momenti salienti della sua vicenda umana.


"Sono un prostituto e non provo nessuna vergogna per questo", esordisce Jason. Anche se nel finale, dopo oltre dieci ore di tour de force e un'intera bottiglia di vodka scolata da solo, indulge a inflessioni patetiche, non si tratta di un monologo lacrimevole sulle disgrazie di una vita. Piuttosto, assistiamo a una marcia forzata attraverso un'esistenza difficile ma vissuta appieno e senza rimpianti. Il protagonista sprigiona una forza militante che non attende Stonewall per difendere coming out, libertà sessuale e diritto di scegliere come impostare la propria vita.

I ricordi di Jason vanno dall'infanzia difficile in una famiglia dominata da un padre omofobo, con cui egli, vistosamente effeminato, si scontrava spesso, alle prime esperienze sessuali, ai primi rapporti a pagamento, alla vita notturna di New York, fino all'amore attuale per Richard e alle aspirazioni di attore.


Come tipico del cinema diretto, la regista non fa nulla per nascondere la presenza del mezzo cinematografico: non sospende la riprese dell'audio quando deve cambiare la bobina, lascia che la troupe e gli amici di Jason interagiscano con lui durante l'intervista e sistema la messa a fuoco senza staccare.

Una scelta estetica che in questo caso si adatta particolarmente al soggetto: Jason parla con sincerità delle sue esperienze di vita, ma è anche un attore nato e il suo racconto spesso diventa recita, interpretazione, persino scoperta messinscena. Ne esce un documento affascinante che offre uno spaccato dell'omosessualità di franchezza inedita per il cinema.­
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titolointerpreteanno
Red Side of the Moon Mattel, Trixie2018
autoretitologenereanno
AA.VV.Out in Culturesaggio1995
Daniel HarrisRise and Fall of Gay Culture, Thesaggio1997
Josh Kilmer-PurcellIn questi giorni sono fuori di meromanzo2008
Ethan MorddenI've a Feeling We're Not in Kansas Anymoreracconti2015
Mauro) Platinette (pseud. CoruzziFinocchiebiografia2002
titoloartistaanno
French bitchPussy Tourette1993

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 7

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  5. 10

    Dune (libro , 1984)

    di