Sandman - Il gioco della vita

2 dicembre 2005, Pride n° 78 - Dicembre 2005

Nel quinto volume dedicato a Sandman, Signore dei Sogni, il grande Neil Gaiman seduce e immalinconisce con una splendida storia dove la contaminazione tra sogno e realtà viene portata alle estreme conseguenze.

Sandman è un bizzarro personaggio, frutto dell’abile commistione di mitologie e leggende molto diverse: un po’ il Morfeo dell’antica Grecia, un po’ l’Uomo Nero delle leggende anglosassoni (ricordo persino una canzone di Mina, L’uomo della sabbia, ispirata a quei miti), colui il quale visita il sonno dei bambini lasciando loro quella fastidiosa sabbiolina della quale ci si libera stropicciandosi gli occhi… Nella saga creata da Gaiman è questo, e altro ancora: ha l’aspetto di una star del “Glam Rock” anni ottanta, magro, androgino, vestito di nero. Il suo compito è regnare e custodire i sogni dei dormienti.

In questa avventura il suo ruolo è decisamente defilato, direi alla stregua di un deus ex machina. Non mancano, invece, le atmosfere perturbanti e sottilmente beffarde tipiche di questo eccezionale autore.

A Barbie càpita di non sognare più.

Almeno, è quello che confessa alla sua amica Wanda, transessuale scappata dal Kansas dove i genitori insistono a chiamarla ancora Alvin.

Ma i sogni di Barbie arriveranno, violenti e apocalittici, a scompaginare non solo la sua dimensione onirica, ma anche la vita reale sua e delle sue amiche, inquiline di un palazzo di New York.

Tra queste troviamo la strega in incognito Thessaly e l’eterogenea coppia di lesbiche Hazel e Foxglove (su questi due personaggi, vedi anche la recensione di Death su Pride del settembre 2004), alle prese anche, tra le altre cose, con una misteriosa gravidanza…

Poche righe non bastano per riassumere la complicatissima trama delle storie di Gaiman, amare ed ipnotiche, piacevolissime da leggere.

Peccato, come al solito, per l’incostante qualità grafica dei disegni (bene Mc Manus, un po’ meno tutti gli altri disegnatori, compreso l’insipido contributo del colorista). Un plauso, invece, al lettering, parte integrante della fascinazione impressa dai dialoghi.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Neil Gaiman, Chris Bachalo, Mark Buckingham, Mark PenningtonDeath. Il grande momento della tua vitadrammatico2004
Neil Gaiman, P. Craig RusselMistero celestefantasy2002

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 6

    Vogue (videoclip , 1990)

    di

  4. 10

    Boys Love (film , 2006)

    di