Gosford Park 2.0

1 agosto 2013

Popolarissima in patria e soprattutto negli Stati Uniti, dove al pubblico basta sentire un accento anche solo lontanamente inglese per andare in brodo di giuggiole, "Downton Abbey" è una serie in costume ispirata alla vita di Lady Almina Carnarvon (e un po' anche a "Below Stairs" di Margaret Powell). La sceneggiatura è di Julian Fellowes, che già aveva scritto "Gosford Park" per Altman.

Ai piani alti della magione vivono il conte Robert Crawley e la contessa Cora con le loro tre figlie: la loro vita scorre serena e senza pensieri almeno fino alla notte del 15 aprile 1912, in cui l'erede della loro fortuna muore nell'incidente del Titanic. Ai piani bassi, la servitù è invece scossa da problemi più pressanti e appassionanti: la signora Patmore, cuoca, si chiede se troverà mai marito e riuscirà ad affrancarsi dalla propria condizione; il maggiordomo Carson riflette sui tempi che cambiano e sul concetto di dignità; la signora Hughes lotta contro il cancro; Ethel sogna di diventare ricca ma si ritrova con un figlio illegittimo in grembo e finisce per fare la prostituta; Anna vorrebbe smettere di sistemare i capelli alle pulzelle del piano di sopra e sposare il valletto Bates, claudicante a causa di una ferita subita nelle Guerre boere.

Della servitù fanno parte anche i due personaggi omosessuali della serie, il vice-maggiordomo Thomas Barrow e Miss O'Brien, la donna di servizio di Lady Cora. I due condividono un animo malvagio e la tendenza a complottare contro colleghi e datori di lavoro. L'orientamento sessuale del primo è lampante: già a partire dal primo episodio lo vediamo baciare appassionatamente il duca di Crowborough per poi tentare di ricattarlo. Ci riprova qualche episodio più in là con un ospite turco dei Crawley, tale Kemal Pamuk, che però ha capito il suo gioco e lo ricatta a sua volta. L'omosessualità di O'Brien è invece soltanto suggerita: fuma, è volutamente vestita e pettinata come la Mrs. Danvers hitchcockiana, è protettiva e gelosa nei confronti della padrona di casa (tanto da arrivare a causarle un aborto).

Dopo la prima stagione la serie ha perso molto del suo smalto: le situazioni hanno cominciato a ripetersi, e buona parte degli attori principali ha chiesto di essere in qualche modo eliminata dal cast per approfittare dell'improvvisa fama americana e costruirsi una carriera a Hollywood o Broadway. La storia di Thomas conosce però un sussulto sul finire della terza stagione: la sua omosessualità diventa di pubblico dominio quando tenta di baciare uno dei camerieri di casa Crawley, e il conte in persona interviene per difenderlo e chiedere che non venga licenziato.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Régis Loisel, Jean-Louis Tripp, Francois LapierreEmporio: "Marie"; "Serge"; "Gli uomini"drammatico2006
Michele Medda, Luca Casalanguida, Michele Benevento, Lorenzo De FeliciLukas n° 10 - "Alias"orrore2014
autoretitologenereanno
AA.VV., Piers Anthony, R. Margroff, Andrew OffuttC'è sempre una guerraracconti1966
Paolo GiordanoDivorare il cieloromanzo2018
Andrew Sean GreerBallata di Pearlie Cook, Laracconti2009
Charles JacksonCrollo del marito, Ilromanzo1968
Francesco MastinuPolvereromanzo2014
Margaret MazzantiniSplendoreromanzo2013
Reimut ReicheSessualità e lotta di classesaggio1969
Peter ShafferEquusteatro1973
Robert SilverbergLibro dei teschi, Ilromanzo2004
Robert SilverbergVacanze nel desertoromanzo1975
Tutti i risultati (12 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 7

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 8

    Boys Love (film, 2006)

    di