L'apocalisse e la peste dei gay

23 aprile 2007, AUT, n. 90, Maggio 2007.

In questo saggio, incentrato sull' "AIDS come metanarrativa nella letteratura anglo-americana", l'autore sviluppa una sua tesi di laurea, strutturandola in quattro capitoli.

Nel primo, "Peste: le metafore dell'AIDS", esplora (a partire dagli studi di Susan Sontag) le visioni di quello che all'inizio parve un nuovo 'omocausto', e si pone in ascolto delle "voci dall'Apocalisse", strette tra rabbia e rassegnazione.

Il secondo è dedicato alla "Guerra: la risposta dell'attivismo queer", con intellettuali e artisti che hanno elaborato le loro creazioni su identità e performance a partire dall'impegno con "Act Up!" e con le prime organizzazioni di lotta e solidarietà.

Il terzo "Fame: rappresentazioni dell'AIDS" esplora il romanzo ai tempi dell'AIDS, con una sintetica rassegna dell'enorme impatto che la sindrome ha avuto anche sul cinema e il teatro.

L'opera si chiude con una lettura dello straziante "I doni del corpo" di Rebecca Brown (Il Dito e la Luna, 2006), di recente tradotto dallo stesso Grassi.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 5

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 6

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 7

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di

  4. 10