La pubblica decenza vs. "Redwoods"

11 dicembre 2013

Un regista/sceneggiatore giunto, senza evidente motivo o merito, al suo quarto lungometraggio a tematica? Celo.

Una sceneggiatura didascalica ma non educativa, prolissa ma non complessa, prevedibile ma né divertente né drammatica? Celo.

Un protagonista cane (ma muscoloso) e un deuteragonista ancora più cane (ma ancora più muscoloso), che in un mondo cinematograficamente retto non sarebbero ingaggiati nemmeno per le televendite dei materassi in terza serata su un canale provinciale? Celo.

Il deuteragonista, per giunta, è il solito personaggio dello scrittore in crisi, con un terribile segreto a causa del quale ha dovuto fuggire da casa portando con sé soltanto una manciata di dollari e il manoscritto decisivo per le sorti del genere umano (ma poi si scopre che è il solito lamento adolescenziale in cui il “terribile segreto” è che l’autore è gay e pensa di avercelo d'oro)? Celo.

Due uccelli inanemente al vento, in ottemperanza all’art. 1 comma 5 del Codice del Regista Indipendente, secondo cui «se si vedono le tette è robetta, ma se si vede il cazzo è cinema d’autore»? Celo.

Una commento musicale, composto da tale Jack Curtis Dubowsky, che è roba da far rivalutare persino Giovanni Allevi? Celo.

Le lunghe camminate silenziose che ultimamente infestano il cinema LGBT-festivaliero, e che vorrebbero – si suppone – essere portatrici di (forse) un significato profondissimo? Celo.

Un uso criminale, recidivante e preterintenzionalmente comico del rallentatore? Celo.

Un finale futile, floscio e fortuito – il solito cancro tenuto nascosto fino all’epilogo, per giunta un cancro ai polmoni «immeritato, perché neanche fumava!» – che non conclude niente perché non c’è niente da concludere? Celo.

Vostro Onore, quello che manca è un film degno di essere chiamato tale.

Redwoods è un obbrobrio, l’udienza è tolta.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 7

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 9

    Boys Love (film, 2006)

    di