Il fantasma di Jack McFarland

16 febbraio 2014

Dopo aver magistralmente interpretato un ruolo come quello di Jack McFarland in Will & Grace, è oggettivamente difficile inventarsi qualcosa che ti riporti in auge in veste di attore. Sean Hayes sembrava essersene accorto: negli ultimi anni aveva privilegiato il lavoro di produzione (innanzitutto della brillante Hot in Cleveland), limitandosi a qualche comparsata fugace qua e là.


Qualche mese fa, tuttavia, Hayes ha coraggiosamente deciso di sottoporsi agli inevitabili confronti con il fantasma della gloria televisiva passata co-producendo questa Sean Saves the World, sitcom di vecchio stampo di cui è anche protagonista. La critica è stata (giustamente) impietosa: gli episodi non sono registrati in front of a live studio audience, come ormai è la prassi, quindi le risate sono interamente fasulle; purtroppo c'è anche poco da ridere, specialmente nei primissimi episodi: gli sceneggiatori sembrano mancare di fiducia nei confronti degli spettatori e si preoccupano di fissare i contorni dell'esile premessa con reiterate battute didascaliche e soap-orifere (del tipo: «Sei mio padre e sei gay, ora devi badare a me perché mia madre, a cui avevi donato il seme, mi ha abbandonato... ma sarebbe tutto molto più facile se non avessi quel pazzerello di un capo al lavoro!»); il cast di contorno è dimenticabile, eccezion fatta per Thomas Lennon.

L'esatto opposto di ciò che accadde in Will & Grace, insomma: è cosa nota che Jack e Karen oscuravano i noiosissimi protagonisti, complici anche la bravura di Megan Mullally e la legnosità non comune di Eric McCormack. La partecipazione di Mullally avrebbe sicuramente giovato agli ascolti e alla qualità anche di Sean e un coinvolgimento dell'attrice era a quanto pare nei piani sennonché il ritorno di Hayes è stato cancellato a metà della sua prima stagione per via della scarsa risposta di pubblico.

Di fatto, l'unico episodio davvero riuscito tra quelli andati in onda è "Sean the Fabulous", una sorta di rielaborazione metatelevisiva del contratto che Hayes aveva firmato per Will & Grace. La trama dell'episodio è la seguente: nel tentativo di vincere la stima della propria figlia, Sean desidera vincere l'appalto per organizzare una festicciola scolastica; al fine di entrare nelle grazie della preside, fag hag esasperante e solo superficialmente tollerante, Sean deve fingersi più effeminato, più asessuato e più acido di quanto effettivamente sia.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Ebine YamajiLove my lifemanga2005
autoretitologenereanno
Stefano BologniniFamiglia normale, Unasaggio2008
Monica BonaccorsoMamme e papa omosessualisaggio1994
Giovanni Dall'OrtoManuale per coppie diversesaggio1994
Daniela DannaMatrimonio omosessualesaggio1997
Antonella Di LuoffoEducazione al rispetto delle omosessualitàsaggio2008
José DonosoPosto che non ha confini, Ilromanzo1972
Marjorie KelloggDimmi che mi ami Junie Moonromanzo1969
David LeavittBallo di famigliaracconti1986
David LeavittEguali amoriromanzo1988
David LeavittLingua perduta delle gru, Laromanzo1987
Tutti i risultati (16 libri) »
titoloanno
Mozart in the Jungle2014
Tredici2017

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Ludwig II (libro , 1987)

    di

  2. 4

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 5

    Testa o croce (film , 1982)

    di

  4. 6

  5. 9

    Day (libro , 2024)

    di

  6. 10