Foglie umane

28 febbraio 2014

L'autore, che nella Fossa crea una rete di storie simpatiche e gradevoli, qui fa il passo più lungo della gamba e inserisce una serie di filoni narrativi poco fusi tra loro (il Sessantotto da un lato, l'atmosfera della scuola italiana odierna dall'altro, le vicende personali dell'insegnante d'inglese e di quello di religione), trattati con un linguaggio piuttosto monotono pur nelle sue velleità di leggerezza che, se nelle atmosfere camp della Fossa resta sempre piacevole, qui appare spesso fuori luogo: quando poi Clam vira al serioso, la scrittura si fa manierata e insincera.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 6

  5. 7

  6. 8

    Altri libertini (libro, 1980)

    di