Labbra di lurido blu

11 agosto 2016

Quasi tutte le recensioni dedicate a Labbra di lurido blu si dilungano sui pregi del titolo medesimo, molto più celebre del film in sé: c'è chi ricorda che si tratta della traduzione infedele di un verso di Shelley e c'è chi constata che c'è parecchio blu (e parecchio luridume) spalmato tra le inquadrature del film. Forse però il merito maggiore di questo titolo è di comunicare l'essenza del film già soltanto col suo suono, grazie alle sue perverse allitterazioni, alle sue L scivolose e alle sue R crudeli collocate strategicamente. Basta il suono delle quattro parole Labbra di lurido blu per far intuire la natura del film, che è concettoso, molto denso e un po' melenso, seducente in modo malaticcio come piaceva agli Scapigliati.

Il genere si aggira tra il drammatico e l'erotico, ma l'erotismo non è estetizzante e i drammi non sono urlati. Questo permette ancora oggi non di godersi il film, bensì di entrare nella sua cappa di malattia e di lasciarsi contagiare dalla sua intensità.

È proprio l'intensità complessiva (di cui è difficile rintracciare razionalmente l'origine: sarà la musica di Morricone? saranno gli interpreti? sarà l'illuminotecnica?) che permette di interessarsi a quattro personaggi i cui profili psicologici freddi e freudiani sono pensati a tavolino per condurli nel baratro. Ecco le qualifiche di questi “topi di laboratorio” – uniti in un quadrilatero di odio e di amore – studiati dal regista-sceneggiatore-montatore-produttore Giulio Petroni:

  • Elli, interpretata dalla generosa Lisa Gastoni, è una ninfomane. Spinta da impulsi incontrollabili e da lei stessa aborriti, va a cercare il sesso nei contesti più tetri e degradanti, dividendosi tra avvinazzati tavernicoli (ossia cavernicoli da taverna) e callosi giardinieri. Questa sua pulsione verso l'abbrutimento è da ricercarsi in un trauma infantile: l'indelicato padre possedeva e palpava la madre noncurante della sua presenza.

  • Suo marito, il professor Marco – impersonato da Corrado Pani, reso sbattuto e vampiresco dai capelli impomatati portati all'indietro – è un omosessuale irrisolto, persuaso di essere stato traviato dal suo vecchio “amico”, un antiquario inglese (perché l'omosessualità è un vizio rigorosamente importato dall'estero, Certo, certissimo, anzi... probabile docet). Per “curarsi” si aggrappa tenacemente al rapporto con la moglie, soffrendo dei suoi tradimenti compulsivi fino a precipitare in uno stato di apatia destinato a sciogliersi nel peggiore dei modi, cioè con un canonico suicidio (imprescindibile per l'omosessuale drammatico). Il quadro non sarebbe completo se anche Marco non avesse alle spalle un bel trauma adolescenziale: un padre fallocrate lo aveva spinto tra le braccia di una prostituta obesa e dalla lingua tagliente, accosciata come una scrofa in un fienile. Marco si era sottratto a questo olocausto, scontentando il dio della Virilità, e la sua fine era stata così sancita.

  • L'antiquario George Stevens, interpretato dal torreggiante Jeremy Kemp, è l'omosessuale convinto che ha fatto da Pigmalione a Marco. Si tratta di un personaggio stereotipato all'inverosimile, tanto da risultare originale. È il classico ricco corruttore, brutto, esangue e reso antipatico da una fastidiosa inclinazione al citazionismo (a un certo punto, con aria secchionesca, chiede a una contadina se conosce un verso di Baudelaire...). Petroni gli conferisce un'aura da super-villain, con mezzi e obiettivi più modesti del bondiano Blofeld ma con una propensione analoga a circondarsi di gregari eccentrici. Al suo servizio ha infatti un avvenente motociclista che gli serve da messaggero e da spia, ma soprattutto un trio di travestiti leather (Franco Caracciolo, Alberto Tarallo e Paolo Pazzaglia) che all'inizio del film – tra smorfie lisergiche e versetti satanici – strapazza e denuda Elli per costringerla a rinunciare alle nozze con Marco: una scena circense e stralunata di un gusto più che cattivo, ma che comunque si incide nella mente dello spettatore. Non essendo riuscito a evitare il matrimonio di Elli e Marco, Stevens si ritira a tramare nell'ombra, rifacendo capolino solo per aggravare la crisi esistenziale di Marco e rimanendo minacciosamente impassibile mentre questi gli sputa addosso tutto il proprio disprezzo (per se stesso).

  • Lo scrittore emarginato Davide Levi (Silvano Tranquilli) è il personaggio più privo di interesse; si tratta un verboso solitario che può solo vantarsi di essere l'unico uomo che Elli sia riuscita ad amare, la qual cosa ovviamente non porterà fortuna a nessuno dei due (anche dal punto di vista della qualità della sceneggiatura, che sconfina nel cliché).

A margine troviamo altri due personaggi, forse i più amabili di tutto il film: una contadinella perugina selvatica e irascibile (Daniela Halbritter) e un fattore milanese grossolano ma decente a livello interiore (Gino Santercole). Le loro schermaglie amorose offrono al film un contrappunto di dolcezza quasi animalesca; lo spettatore però è costretto a guardare con sospetto questa dolcezza, nel timore che anche i teneri rapporti tra questi forastici amanti vengano inquinati dalla violenza che pende su tutto il film, popolato esclusivamente da anime brutte.

Non è facile dare un giudizio netto di Labbra di lurido blu: a voler fare elementari distinzioni tra “bello” e “brutto”, la bilancia scivolerà facilmente dalla parte del brutto, ma non di quello scialbo e anonimo, bensì del brutto suggestivo, speciale e – per strano che possa sembrare – soddisfacente.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Régis Loisel, Jean-Louis Tripp, Francois LapierreEmporio: "Marie"; "Serge"; "Gli uomini"drammatico2006
Michele Medda, Luca Casalanguida, Michele Benevento, Lorenzo De FeliciLukas n° 10 - "Alias"orrore2014
autoretitologenereanno
AA.VV., Piers Anthony, R. Margroff, Andrew OffuttC'è sempre una guerraracconti1966
Steven AngelidesHistory of bisexuality, Asaggio2001
Roberto BottiDioniso e l'identità maschilesaggio2010
Myriam CristalloUscir fuorisaggio1996
Paolo GiordanoDivorare il cieloromanzo2018
Andrew Sean GreerBallata di Pearlie Cook, Laracconti2009
Charles JacksonCrollo del marito, Ilromanzo1968
Francesco MastinuPolvereromanzo2014
Margaret MazzantiniSplendoreromanzo2013
Laure MuratLa loi du genresaggio2006
Tutti i risultati (18 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 6

  5. 7

  6. 8

    Altri libertini (libro, 1980)

    di