Star Trek Beyond

5 ottobre 2016

Per festeggiare il cinquantesimo anniversario di Star Trek, una delle serie di fantascienza più amate di sempre, è uscito al cinema un nuovo capitolo del reboot iniziato da J. J. Abrams con nuovi volti per l’equipaggio della storica Enterprise, a cominciare da Zachary Quinto nella parte di Spock, uno dei tanti omosessuali che sono usciti allo scoperto in una Hollywood che ormai non pretende più ai suoi interpreti di nascondere tutto dietro ad improbabili matrimoni gay.

Stavolta Kirk e Spock sono ad un passo da lasciare tutto per nuovi incarichi e responsabilità, ma decidono di correre in aiuto di una nave spaziale prigioniera di una tempesta planetaria, salvo poi trovarsi in una trappola ordita da un alieno che ha oscuri disegni in testa di vendetta contro la Federazione dei pianeti, che vede contraria alla sua mentalità guerrafondaia che viene da lontano.

Una storia avventurosa e avvincente, con una strizzata d’occhio alla contemporaneità nel contrapporre una visione utopica del mondo a chi vorrebbe sempre e comunque combattere e distruggere, e con un omaggio commosso a Leonard Nimoy, morto durante la lavorazione del film e a Anton Yelchin, vittima di un tragico incidente a 26 anni durante la postproduzione che non vedrà rimpiazzato il suo personaggio Chekov.

In un’ottica di apertura sempre più grande della fantascienza e del fantastico alle figure femminili di guerriere e simili, il film presenta come new entry il personaggio della combattente Jaylah, ragazza ribelle che aiuta l’Enterprise ad uscire dai guai, interpretata sotto un trucco irriconoscibile dalla modella e attrice di origini algerine Sofia Boutella.

Quello che ha fatto molto discutere il fandom è stato il dare al personaggio di Sulu una famiglia omosessuale: una cosa molto marginale, si vedono di sfuggita il suo compagno e la loro bimba, anche se la loro sorte ad un certo punto diventa cruciale, ma c’è stato chi si è lamentato perché l’ha visto come sbagliato. Gli sceneggiatori hanno voluto in questo modo omaggiare George Takei, l’interprete di Sulu nella serie classica, omosessuale e attivista per i diritti gay nella vita, nonché in prima fila nella lotta contro il razzismo che subì da bambino perché in quanto nippoamericano fu internato con la sua famiglia dopo l’attacco di Pearl Harbor.

Del resto, Star Trek è sempre stata una serie all’avanguardia, che ha mostrato come buoni i russi in piena Guerra fredda, ha fatto vedere il primo bacio interrazziale in un’America dove c’era ancora la segregazione, ha parlato di emancipazione della donna, di razzismo, di libertà, di religioni, integralismo, transgenderismo e omosessualità. In questo hanno avuto un grande ruolo i club di appassionati, soprattutto di genere femminile, che dagli anni Sessanta in poi diedero vita alle famose fanfiction, storie scritte dai fan su personaggi noti, incentrate spesso su coppie omosessuali la più famosa delle quali era quella formata da Kirk e Spock.

Le fanfiction hanno poi continuato ad essere scritte, anche su altre serie tv, ma grazie a Star Trek nacque un genere e forse anche qualche apertura mentale nuova.

In parallelo al film, verrà realizzata presto anche una nuova serie tv ambientata nell’universo della Federazione, dal titolo Star Trek Discovery, dove uno dei protagonisti sarà dichiaratamente omosessuale. Si rassegnino gli omofobi, il fantastico è e resta uno dei generi migliori in cui parlare di futuri anche auspicabili e di tematiche sociali.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Cinzia BarberoPiù ricche di un refiaba2011
Francesca PardiPiccola storia di una famigliafiaba2011
Francesco Tullio-Altan, Francesca PardiPiccolo uovofiaba2011
autoretitologenereanno
AA.VV., Michele Sesta, Giacomo Oberto, Franco Grillini, Beatrice Notarnicola, Ebe Guerra, Cinzia Petitti, Maria Pia BaldassarreDiritti nelle famiglie di fatto, I: Attualità e futurosaggio2004
Maura ChiulliOutsaggio2012
Michael CunninghamCasa alla fine del mondo, Unaromanzo2003
MIT, Agedo, Arcigay, Arcilesbica, Famiglie ArcobalenoGuida ai diritti delle persone lgbtsaggio2011
Michele SaporitiEsiste la famiglia naturale?saggio2010
Mimma SciglianoAmori senza dirittisaggio2010
Luca Trappolin, Barry Adam, Jeffrey Weeks, Cirus Rinaldi, Beatrice Gusmano, Daniela Danna, Giovanni Campolo, Elisabetta Ruspini, Massimo Greco, Maya De Leo, James Dean, Anna Passarini, Pasquale Quaranta, Sasha Roseneil, Chiara Bertone, Margherita BottinoOmoSapiens .3miscellanea2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 4

  2. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 6

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  4. 7

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  5. 8