52 gioca o muori

13 gennaio 2019

Un “buono” dall'aria stanca e dall'atteggiamento vagamente passivo, tre cattivi privi di glamour e dalle prospettive criminose piuttosto ristrette, un'ambientazione losangelina poco accattivante a base delle proverbiali “coca e mignotte”: a metà strada tra noir e thriller (la trama è troppo lineare per un noir, mentre l'azione è abbastanza ridotta per un thriller), 52 gioca o muori è un po' sottotono rispetto alla media dei film di John Frankenheimer, ma – grazie alla presenza tra gli autori del celebre scrittore Elmore Leonard – ha dalla sua quel retrogusto amaro che dà sempre una parvenza di spessore agli action movies, oltre a una componente godibile di crudeltà psicologica e a degli sprazzi di violenza su piccola scala sufficientemente duri e convincenti.

Tra gli sciatti bravacci che ricattano il protagonista Roy Scheider, figura un ebreo omosessuale stempiato e piagnucoloso, tale Leo Franks (Robert Trebor), che da subito lo spettatore identifica come l'anello debole della sgangherata associazione criminale, i cui altri membri sono il depravato proprietario di un cinema porno (John Glover, un cattivo dai tormentoni dozzinali) e un afroamericano dallo sguardo ferino (Clarence Williams III), arrabbiato col mondo intero e dedito – in tutta probabilità – alla bassa manovalanza nel settore della delinquenza a mano armata. Leo Franks non ha una professione molto più rispettabile dei suoi complici: è il gestore, assieme al proprio biondo fidanzatino dall'aria angelica, di un locale in cui spogliarelliste si fanno fotografare in atteggiamenti ammiccanti dai clienti.

Leo è forse il personaggio più miserevole del film: passa dall'euforia quasi isterica di quando decanta i meriti mammari delle ragazze del suo locale, soppesandone i seni come un allevatore spaccone a una fiera bovina, alla disperazione più sconfinata non appena si rende conto che Roy Scheider ha capito il suo gioco. Robert Trebor (molto bravo, anche troppo) lo incarna in maniera iperrealista, sudando e contorcendosi fino a somigliare al Pinguino della saga di Batman quando Roy Scheider gli fa capire che la situazione si sta mettendo male anche per lui: Frankenheimer gioca sadicamente con i controcampi, confrontando il volto in cuoio dell'annoiato Scheider con quello (tra)sfigurato di Trebor, il quale si impegna talmente tanto a macerarsi interiormente ed esteriormente che lo spettatore ha quasi la sensazione di sentire le sue esalazioni corporee.

«È un tipo alquanto nervoso, direi» aveva commentato con malcelata superiorità lo stesso Scheider qualche sequenza più indietro. «Forse quelli come lui lo sono tutti» aveva risposto una prostituta ammanicata coi tre delinquenti, tirando virtualmente una gomitata agli spettatori che ancora non si erano accorti delle tendenze di Leo. A dissipare ogni dubbio, Frankenheimer concede al suo repellente personaggio un momento di tenerezza col suo grazioso fidanzato (gli bacia il dorso delle mani, quasi tergendole con le proprie lacrime) nel momento in cui entrambi capiscono che hanno le ore contate. Subito dopo, coerentemente, i due vengono trucidati dall'afroamericano irascibile, quasi come se gli autori stessero dicendo: «Okay, abbiamo perso già abbastanza tempo appresso a 'sti froci».

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Fritz HaarmanncriminaleVari1879 - 1925
titoloanno
Squadra antitruffa1977
autoretitologenereanno
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: a sangue caldonoir2005
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: il coraggio di ucciderenoir2010
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: io sono mianoir2009
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: un affare in famiglianoir2007
Giancarlo Berardi, Gustavo TrigoNella mente del mostronoir1998
Giancarlo Berardi, Laura ZuccheriBentornata, Myrna!noir2001
Valerio Bindi, M.P. CinqueAcqua Stortanoir2010
Giampiero Casertano, Michele MasieroIstinto omicidaorrore2008
Gino D'Antonio, Goran ParlovOcchi del gatto, Glipoliziesco/criminale1995
Angela Giussani, Luciana GiussaniDiabolikpoliziesco/criminale2010
Tutti i risultati (11 fumetti) »
autoretitologenereanno
Cristiano Armati, Yari SelvetellaRoma criminalesaggio2007
Luigi Romolo CarrinoAcqua Stortaromanzo2008
Luigi Romolo CarrinoPozzoromoloromanzo2009
Vincenzo CeramiFattacciracconti1997
Fabio CroceDelitto in Vaticano - La veritàsaggio1999
Claudio Dell'OrsoNero venezianosaggio2005
Discepoli di veritàBugie di sangue in Vaticanosaggio1999
Discepoli di veritàSegreto pontificiosaggio2007
Edwin FeyEstate a Sodomaromanzo1966
Eugene FranklinQuei maledetti dollariromanzo1974
Tutti i risultati (14 libri) »
titoloanno
Stangata napoletana1983

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 4

  2. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 6

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  4. 7

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  5. 8

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  6. 10