Jonathan Coe, Bournville

25 dicembre 2022

Come accade spesso nelle sue opere, anche il nuovo romanzo di Jonathan Coe, Bournville, unisce macrostoria e microstoria: strutturato in sette eventi, ripercorre alcune delle principali tappe della storia inglese, a partire dalla vittoria nella Seconda Guerra Mondiale, rappresentata attraverso il discorso radiofonico di Winston Churchill, fino alle celebrazioni del suo 75° anniversario, filtrate attraverso le ordinarie vite della protagonista Mary Lamb, dei suoi figli e dei suoi nipoti. Esistenze legate a doppio filo alla fabbrica di cioccolata Cadbury, nel cui villaggio, la Bournville del titolo, i personaggi vivono e dal quale si allontanano per poi spesso tornare, e all'identità britannica che, nel corso dei decenni, perde la sua centralità nel mondo fino a isolarsi dopo la malaugurata Brexit.

Seguiamo, passo dopo passo, le vicende di Mary da giovane bambina fino alla fine della sua vita: dalla sua infanzia, quando si rende conto di vivere in un'isola e assiste a un atto di odio xenofobo nei confronti di un uomo di origine tedesca, al suo matrimonio con il taciturno e anaffettivo Geoffrey (comico è l'unico momento in cui lui si lascia andare a un pianto disperato), dal suo ruolo di madre di tre figli maschi fino a quello di nonna che, con grande dolcezza, non riesce a posizionare correttamente la videocamera del tablet per potersi collegare con i familiari a causa del lockdown, mostrando loro solo la propria fronte.

Una Mary che non condanna mai le decisioni prese o le scelte fatte, come il rinunciare a una carriera da pianista per la famiglia, e che ama profondamente i suoi figli, così diversi fra loro: il conservatore e macchiettistico Jack, emblema di un capitalismo ottuso, che pensa solo al proprio tornaconto e a coltivare il proprio orticello, disinteressandosi dei problemi dell'umanità come il global warming; il lobbista Martin, che cerca di difendere al Parlamento Europeo la cioccolata inglese Cadbury condannata per i suoi grassi nella "guerra del cioccolato" e crea grande scandalo sposando una ragazza di colore tanto da spingere il padre a organizzargli un appuntamento al buio con la sua segretaria bianca in una scena tragicomica; il timido musicista Peter, dall'animo sensibile, condannato a un matrimonio infelice, che piano piano scopre se stesso e la sua omosessualità e che tenta, ormai quasi sessantenne, di ricostruire il passato familiare, nonostante i silenzi materni.

Bournville è un romanzo intriso di una certa malinconia, mai smielata, soprattutto nella parte finale, a causa dell'isolamento che tutti noi abbiamo vissuto negli ultimi anni: fatto salvo Peter, che nel suo piccolo giardino, prova gioia nello stare da solo con i suoi libri, Mary, ormai anziana, sente, invece, la mancanza del contatto umano, dei suoi nipoti visti solo dalla finestra di casa, di poter guidare anche a causa dell'età, e così, decide di violare qualche norma per poter tornare a rivivere, per un attimo, il ricordo della fanciullezza.

"L'Inghilterra non cambia": l'autore, al suo solito, guarda con tagliente ironia alle vicende britanniche, come nel caso della folla per i funerali di Diana e del fanatismo intorno alla figura della "principessa del popolo", ma anche con grande amarezza. La si percepisce nei riguardi della storia più contemporanea del suo paese, nel ritratto satirico di Boris Johnson e della sua inaspettata ascesa politica, e, in particolar modo, nella finale "Nota dell'autore", in cui Coe ci informa che la propria madre è recentemente morta da sola poiché lui - come molte famiglie - ha seguito le norme di isolamento anti Covid, a differenza degli occupanti del numero 10 di Downing Street (i party abusivi organizzati dall'allora primo ministro).
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Henry Scott TukepittoreVari1858 - 1929
autoretitologenereanno
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
Brian AldissLampada del sesso, Laromanzo1964
AnonimoThe case of sodomy, in the tryal of Mervin Lord Audley, Earl of Castlehaven, for committing a rape and sodomy with two of his servants,documenti2010
John BrunnerPianeta della follia, Ilromanzo1979
Oliver BucktonSecret selvessaggio1998
B.R. BurgPirati e sodomiasaggio1994
Antonio CapraricaTanto sesso, siamo inglesi!saggio2015
Arnaldo De Lisle (pseud. Giuseppe Garibaldi Rocco)Uomo-femmina, L'romanzo1899
Pompeo Donofrio, Maria Teresa La ForzaLupo sotto il mantello, Ilbiografia1995
Nina EptonEros e costume in Inghilterrasaggio1966
Tutti i risultati (28 libri) »
titoloautoredata
L'amore tra maschi ai tempi di Oscar Wilde (e della regina Vittoria)
I due processi ad Oscar Wilde
Vari08/01/2013

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

  2. 4

    Elegie, Le (libro , 1980)

    di

  3. 5

  4. 6

  5. 8

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  6. 9

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  7. 10

    Testa o croce (film , 1982)

    di