Un vestito di luce

4 marzo 2008, "Aut", n. 98, febbraio 2008, p. 48

La mia vita in rosa in una squinternata famiglia di immigrati spagnoli a Parigi. Mamma Rose-Alba è una portinaia spendacciona; papà Pedro, un muratore senz'arte né parte; il piccolo Miguel si traveste da sciantosa e fa razzia delle Barbie delle sue migliori amiche, col desiderio segreto di evadere un giorno dalla topaia di casa per diventare una Regina.

Il sogno sembra realizzarsi a quindici anni quando il ragazzo 'in transito' incontra il favoloso angelo negro del varietà in drag "Paradiso perduto".

Tra delusioni e speranze, Miguel si attacca al ballerino etoile, finché la mamma, con modi puttaneschi, non tenta di sottrarglielo, provocando una reazione fatale.

La teatralità agrodolce della scrittrice canadese (1916-2000) è accentuata dall'alternarsi delle voci dei quattro protagonisti, che illuminano la storia coi loro sguardi smarriti, disincantati e feriti.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 5

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 6

    Smalltown boy (videoclip, 1984)

    di

  5. 8

  6. 10

    Isabella (fumetto, 1966)

    di