Self

22 ottobre 2008, "Aut", n. 101, maggio 2008, p. 52

Un ragazzino transgender, un 'pesciolino' che naviga tra le mille, inevitabili fluttuazioni dell'esistenza, prende a mano a mano coscienza degli "inesorabili ingranaggi della vita".

Riflettendo sul senso delle cose (sesso e solitudine, scuola e famiglia, dio e tv), arriva a percepire nella passione di un abbraccio "il rullio del mare".

La sua pubertà, un gomitolo "con così tanti bandoli", sarà un sentiero buio e senza segnaletica, dove l'ansia più paralizzante si accompagnerà ad un'inafferrabile euforia.

La mattina dei suoi diciotto anni si sveglia per scoprire che è diventato donna. Incontrerà poi il dolore opprimente e reale dell'affetto non corrisposto.

Proveniendo da mondi lontanissimi, solo la sospensione del 'viaggio' permetterà che sboccino storie d'amore con femmine e maschi (Elena, Roger), fino all'inatteso scioglimento finale.

Un libro visionario, intriso di richiami e suggestioni culturali, tradotto in uno stile incandescente da Anna Rusconi.

Tre anni prima, nel 1993, l'autore aveva narrato di un'amicizia e del dramma dell'Aids in Io, Paul e la storia del mondo.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  3. 8

  4. 10

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di