"Il travestito" o "Piu bello di così si muore"

22 ottobre 2008

Una vera sorpresa. Romanzo in bilico fra il grottesco e il sentimentale. Un giovane disoccupato romano si traveste da donna e si prostituisce per poter sbarcare il lunario. Il tutto raccontato con pungente ironia e senza mai cadere nel pecoreccio o nel cattivo gusto.


Certo il punto di vista di Amurri è quello di un piccolo borghese e ogni tanto qualche pagina risulta un po' troppo moralista, ma i momenti piacevoli non mancano. Dopo un inizio davvero brillante (una descrizione di Roma ironica e pungente) la storia conserva un buon ritmo fino alla metà del racconto (Amurri forse non aveva moltissimo talento, ma aveva di sicuro mestiere da vendere).



La seconda metà, come gia accennato, si trascina un po' stancamente, per arrivare poi ad un finale con un paio di trovate molto piacevoli e che evitano il più ovvio dei "lieto fine" senza però "deprimere" tropo il lettore.



Il romanzo fu pubblicato inizialmente da Sugarco con il titolo "Il travestito" ma non ottenne nessun successo commerciale. Dopo lo straordinario successo di "Piccolissimo" la Mondadori lo ripubblicò con il titolo "Più bello di così si muore".


L'unica differenza fra le due edizioni è che per la versione Mondatori Amurri scisse una nuova e ironica prefazione, per il resto il romanzo è esattamente lo stesso.


Ne fu girato anche un pessimo film con Enrico Montesano nella parte del protagonista che non rende per niente giustizia al romanzo.
La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Altre recensioni per Travestito, Il

titoloautorevotodata
Travestito, IlGiovanni Dall'Orto
15/02/2005

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Antonio AmurriDimmi di zìromanzo1982
Antonio AmurriPiù bello di così si muoreromanzo1979

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 7

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  4. 8

    Boys Love (film, 2006)

    di