El fallo positivo (1992). I Mecano cantano dell'Aids.

È un video difficile, questo, per via del tema che ha scelto: l'Aids. Un tema che, ieri come oggi, espone ai rischi gemelli della retorica e della superficialità, entrambi inopportuni.

Non dirò che questo gruppo spagnolo sia riuscito nell'intento di evitare entrambi, perché la sua soluzione (affidarsi alla poesia e al "detto a metà", a costo d'essere ermetici) schiva un pericolo al prezzo di cadere in un altro: l'ermetismo appunto, come nei versi del testo, che a tratti si fatica a capire a cosa alludano. O come nelle immagini, gremite di simboli e metafore al punto da risultare francamente oscure.

L'intenzione era qui, è chiaro, evitare d'essere troppo brutalmente diretti, o troppo patetici, ed era una buon intenzione
Ma il risultato non è stato, purtroppo, all'altezza delle intenzioni. Il video risulta infatti complessivamente caotico e farraginoso, troppo zeppo di simboli e allusioni per niente facili da dipanare.

Sia chiaro: la cantante è bravissima, e la canzone è bella, quindi la visione del video risulta decisamente gradevole.
Ed il testo in sé riesce, pur nella sua oscurità, nell'intento di non essere né patetico né superficiale:

L'esito positivo annunciò
che il virus che naviga nell'amore
avanza a vele sciolte,
sgominando le difese nelle tue vene.
Mi hai proibito ogni passione
senza darmi alcun tipo di ragione...

Anche la scena finale, una "Pietà" d'un uomo che per raggiungere l'amato sieropositivo sfonda le barriere che costui ha costruito sulla porta per isolarsi dal mondo, è meno retorica a vedersi di quanto non appaia a raccontarsi.
Tuttavia il risultato complessivo risulta inadeguato allo sforzo (di sceneggiatura, montaggio, regia) profuso. Peccato.

Eppure in casi difficili e scottanti come quello di questa canzone nel giudizio finale conta anche l'intenzione, che è ottima. Meglio infatti eccedere in rispetto e delicatezza d'intenti che in grossolanità e faciloneria.

Penso quindi in conclusione che la visione di questo clip sia comunque interessante, non fosse altro che per le doti canore della solista, dalla voce limpida, potente e perfettamente intonata.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 2

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 5

  3. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 9

    Lady Oscar (serie tv, 1979)

    di