Cronache del dopoguerra [1988]. Quando l'ecofemminismo sogna la Grande Sorella.

Questo curioso romanzo di fantascienza "a tesi" è costruito intorno a due assiomi: (1) l'aggressività è un tratto "biologicamente" maschile, e (2) questo tratto, se non sradicato dalla razza umana, tende a distruggerla attraverso l'autoritarismo di stampo fascistoide, e il conflitto fine a se stesso.

La vicenda è ambientata in un futuro successivo di duecento anni all'Olocausto nucleare, dal quale la civiltà sta faticosamente rinascendo grazie a una forma di benevolo matriarcato che ha adottato la soluzione del formicaio: alle donne spettano tutte le attività lavorative e la gestione politica, ai troppo-aggressivi maschi spetta unicamente la difesa delle città-stato (in stato di endemica guerra fra loro).
La riproduzione avviene durante appositi periodi di "carnevale" in cui le donne si accoppiano liberamente coi soldati, usciti dalla loro caserma-cittadella.
Le bambine nate da questi accoppiamenti sono allevate nelle famiglie delle madri, mentre tutti i bambini, passata la prima infanzia, crescono nelle caserme, da dove possono uscire di tanto in tanto per far visita alle famiglie d'origine; alla maggiore età possono scegliere poi se rimanere per tutta la vita in caserma come soldati o uscirne, venendo sterilizzati e servendo (come miti tuttofare) le matriarche.

Questo complicato castello fra le nuvole si comprende meglio come risposta alle distopie del "mondo senza maschi" e del "mondo senza donne" su cui si stava combattendo in quegli anni (il libro è del 1988) nella narrativa fantascientifica.
Qui il carattere deliberatamente paradossale delle distopie dei mondi basati su un solo sesso è stemperato in una costruzione, più credibile, nella quale si tiene conto del fatto che l'attrazione sessuale non può essere certo sradicata a comando, come invece presumono (ridicolmente) di poter fare tutte le distopie del "mondo senza".

==================

L'unico neo di questo castello in aria è proprio l'omosessualità, che scompiglia il determinismo studiatissimo con cui questo formicaio super-totalitario pretende di dirigere le vite di tutti gli abitanti.

E allora l'autrice se ne sbarazza con una capriola: a p. 49 apprendiamo che esistono alcune donne ed anche alcuni uomini che non amano l'attività sessuale eterosessuale, per un problema "fisiologico o a volte psicologico", ma alle pp. 64-65 scopriamo anche la soluzione all'arcano: la

"cosiddetta sindrome gay era causata da uno scompenso ormonale durante la gravidanza. Le dottoresse ora identificavano quella condizione come un maladattamento (sic) riproduttivo ormonale e lo correggevano prima della nascita".

Quindi se un soldato aveva costretto un ragazzo a soddisfare le sue voglie (il motivo per cui s'era giunte a questo argomento), ciò poteva essere avvenuto solo

"per vizio o per dominarlo piuttosto che per libidine".

(A p. 120 si accenna anche a malviventi che costringono ragazzi a prostituirsi, ma non è chiaro a questo punto se si intenda a uomini o piuttosto a donne).

==================

Il romanzo si regge anche grazie al confronto con una società anch'essa post-Olocausto ma iper-patriarcale, nella quale un cristianesimo fanatico e oscurantista tiene le donne letteralmente in schiavitù. Ovviamente è superfluo dire quale delle due società esca vincente dal confronto...

Ma le cose non stanno come sembrano, e col proseguire della narrazione cresce il sospetto che lo stato di costante guerra in cui si trovano le città-stato matriarcali serva fondamentalmente a sfoltire i ranghi degli inutili, aggressivi e irrazionali maschi.
E alla fine si scoprirà che effettivamente le cose non stavano esattamente come sembravano, e che in realtà è in corso un colossale esperimento di eugenetica, e che...
Non aggiungo altro.


==================

Colpisce il fatto che l'autrice, nella sua ansia di tenere in piedi il suo castello basato su assiomi che non era in grado di dimostrare, si sia sbarazzata della principale contraddizione logica (l'omosessualità) facendo ricorso a un ulteriore assioma non dimostrato. Ma nella realtà una società costruita come la sua, lungi dal costituire il trionfo dei rapporti "politicamente iper-corretti" fra i sessi, concederebbe un vantaggio comparativo alle coppie omosessuali, ed ovviamente vedrebbe sfuggire di mano proprio i maschi omosessuali, che a quel punto non avrebbero più la minima necessità di tornare periodicamente fra le donne, "addolcendosi". Ecco perché la Tepper decide di eliminarli dal quadretto... e lo fa barando, cioè inventandosi "scompensi ormonali in gravidanza" che nessuno ha mai trovato nella realtà.

Il fatto è che questa che vuole presentarsi come un'utopia positiva si rivela, specie dopo avere appreso quale segreto nascondano gelosamente le matriarche, una "benevola" tirannia sulla falsariga di quella di Pol-Pot, disposta a sacrificare la vita di migliaia di persone senza batter ciglio, "per il bene supremo della collettività" (basterà dire che le matriarche rifiutano, nonostante la loro medicina sia assai avanzata, visto che riescono a correggere difetti genetici in utero, di curare i soldati feriti dopo le battaglie. Il massimo che concedono ai sofferenti è l'eutanasia, ma niente cure, e niente antidolorifici. Le matriarche sono quindi, semplicemente, delle sadiche naziste).
Da questo punto di vista la Tepper ha presentato sotto luce positiva proprio quanto paventato da alcuni maschilisti arrabbiati, che anni prima avevano iniziato a coltivare il sotto-genere del "mondo senza maschi" descrivendolo come un formicaio da incubo in cui a parte l'ape regina tutti gli individui sono cloni standardizzati.


==================

Peccato, perché di per sé il romanzo è ben costruito, ed ha anche qualche pretesa letteraria coltivata con esiti non infelici (le riscrittura delle tragedie greche antiche, recitate dalle donne nelle loro feste stravolgendole in modo da far loro rispecchiare e giustificare l'ideologia del loro matriarcato, è tutto sommato divertente, e riuscita).

Insomma, la vicenda si regge in piedi, il progressivo disvelamento funziona, quindi la macchina della narrazione funziona.
Sono proprio gli assunti di partenza ad essere bacati, e a trascinare con sé la credibilità di tutto il castello di carte edificato poggiando su di essi.
Peccato...

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
Brian Vaughan, Pia Guerra, Paul ChadwickY: l'ultimo uomo - Legàmifantascienza2005
Brian Vaughan, Pia Guerra, José Marzán JrY: l'ultimo uomo - Ciclifantascienza2003
Brian Vaughan, Pia Guerra, José Marzán JrY: l'ultimo uomo - Un piccolo passofantascienza2004
autoretitologenereanno
AA.VV., Harry HarrisonPolimorfi, e altri racconti, Iracconti1964
AA.VV., Robert Heinlein, Belen, John Wyndham, Harry HarrisonFantasessoracconti1967
AA.VV., Robert Reed, Mary RosenblumAl suono di una musica alienaracconti2000
Poul AndersonAmazzoni, Le [1959]romanzo1960
Daniele Barbieri, Riccardo ManciniDi futuri ce n'è tantisaggio2006
Michael BishopOcchi di fuocoromanzo1987
Marion Zimmer BradleyRovine di Isis, Leromanzo1998
John BrunnerVisitatore, Ilromanzo1977
Lois McMaster BujoldSpia dei Dendarii, Laromanzo2008
Paul Di FilippoImperatore di Gondwana, L'romanzo2007
Tutti i risultati (25 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Accendimi di desiderio (libro, 2004)

    di Vari

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 6

    Altri libertini (libro, 1980)

    di

  5. 7

  6. 8

    Vogue (videoclip, 1990)

    di

  7. 9

    Gay Porn (libro, 2002)

    di