Porno-vampiri allo sbando

27 febbraio 2012

Avete presente quelle sequenze che, nei porno "con la storia", stavano fra un duetto e un terzetto, fra un quartetto e un coro? Quei recitativi in cui due, tre, quattordici ragazzotti erano costretti a fare l'unica cosa al mondo per la quale non erano stati dotati da madre natura, ovvero interagire verbalmente (verbalmente, non oralmente)? Un tempo erano sequenze frequenti ma, come è successo nell'opera lirica, il recitativo è poi caduto in disgrazia. È una mutazione indotta, com'è noto, dall'avvento del video e ulteriormente favorita da internet.

Gli inventori di The Lair hanno avuto l'idea di fare una serie di soli "recitativi". Ovvero, hanno preso attori porno (o che potrebbero aspirare a quella sola carriera) e li hanno costretti a recitare copioni interi: al confronto del risultato ottenuto, una qualsiasi telenovela sudamericana sembra degna della comédie-Française. Ovviamente, tra un dialogo e l'altro i ragazzotti sono riportati al loro habitat naturale: si spogliano infatti con disinvoltura. È persino concesso loro di abbozzare un'arietta qua e là, ma senza esagerare: niente orchestra, solo strofinamenti soft che nulla tolgono all'immaginazione dello spettatore. Il tutto riciclando l'immaginario esoterico-vampiresco che da qualche anno è tornato di moda.

Il problema è che non si comprende mai esattamente il senso dell'operazione: è una parodia (geniale!) dell'erotismo soft di True Blood, Twilight e affini? È una rilettura metalinguistica (sapiente!) che vuole esplicitare i sottotesti omoerotici di quelle serie/film riportandoli alle loro radici ultime, quelle appunto erotiche? È un'operazione kitsch di disperante demenza, che si prende sul serio, nella speranza che qualcuno scomodi a sproposito il camp? O, ancora, è un atto di gratuito sadismo nei confronti di attori espressivi solo dalla vita in giù?

La serie si esaurirà da sé prima che abbiate sciolto il dubbio. Quando a metà della prima sequenza sentirete montare la noia, comprenderete la mancanza di senso dell'operazione. In fondo, si può concedere senza sforzo che una vita di solo sesso sia tediosa: ma di certo una vita di soli periodi refrattari lo è molto di più.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

titoloanno
Moth Diaries, The2011
autoretitologenereanno
AA.VV.Frammentishōnen'ai2003
Daniela Serri, Daniela OrrùDark dreamsshōnen'ai2007
autoretitologenereanno
AA.VV.Alien sexracconti2003
AA.VV.Da Sodoma a Hollywoodmiscellanea1995
AA.VV., Edward Bryant, Bruce McAllister, Connie WillisFantasexracconti1998
Margherita GiacobinoGuerriere ermafrodite cortigianesaggio2005
Anne RiceVampiro Marius, Ilromanzo2008
Wolfram Setz, Jens Dobler, Hans-Peter Weingand, Dino Heicker, Florian Mildenberger, Massimo Consoli, Giorgio PiccininiNeue Funde und Studien zu Karl Heinrich Ulrichsmiscellanea2004
Paolo ZanottiGay, Ilsaggio2005
titoloartistaanno
TeethRust Slovenec2008

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

  2. 5

    Relax (videoclip , 1983)

    di

  3. 7

  4. 9

    Spatriati (libro , 2021)

    di

  5. 10

    Dune (libro , 1984)

    di