Testimone nell'ombra [1988]. Un Brandstetter ai limiti della pensione, ma sempre in gamba

Questo romanzo (titolo originale: Obedience, 1988) è il decimo della serie dedicata all'investigatore Dave Brandstetter (sul quale si veda quanto ho detto al primo volume del ciclo, Scomparso, che era ambientato nel 1967).

Joseph Hansen gli ha permesso - cosa insolita - d'invecchiare con il passare degli anni, e qui ce lo presenta in procinto di "ritirarsi" (solita traduzione cagnesca di un termine inglese, lingua nella quale to retire vuol dire banalmente "andare in pensione"). Ma un'avvocata lo supplica di aiutarla a risolvere il caso d'omicidio per il quale è stato imputato il fratellastro, ed alla fine, un po' per buon cuore, un po' perché a Brandstetter il suo lavoro piace, rieccolo a caccia dei veri colpevoli. La pensione attenderà.


Come per tutti i gialli, rivelare qui la trama sarebbe un crimine; basti quindi sapere che il nostro investigatore si trova sbalzato in un affare immobiliare relativo alla ristrutturazione d'un porticciolo, nel quale vivono su bagnarole d'epoca molte famiglie prive di casa e di reddito, disperate perché non saprebbero dove altro andare.
Anche l'imputato (veterano e mutilato della guerra del Vietnam, ma decisamente non-eroe) faceva parte di questo gruppo di disperati, anzi ne era il portavoce, quindi è "logico" che sia il primo sospettato quando il proprietario dell'area, un uomo d'affari vietnamita, è trovato assassinato proprio al porto.
Ma non sempre le cose sono quel che sembrano a prima vista, e Brandstetter lo dimostrerà... eccetera eccetera.

Harris ha molto da dire in questo semplice romanzetto giallo sulla realtà dei senza-tetto americani, costretti (dopo essersi rovinati per pagare cure mediche onerosissime, o perché vivono di una pensione minima, come la simpatica insegnante che per prima aiuterà il Nostro), ma cerca anche di schizzare un breve ritratto della comunità d'immigranti vietnamiti, fluita negli Usa alla fine della guerra, ed all'epoca sicuramente "esotica" e "misteriosa".
In questo ritratto si distacca poco dal "ritratto di genere" (il titolo originario, Obbedienza, allude alla prassi dell'obbedienza famigliare spinta fino all'omertà da parte di questa comunità), ma il fatto che si sia almeno schizzarlo va a suo merito.


Anche questo romanzo, come i precedenti, più che di colpi di scena mozzafiato vive soprattutto di descrizioni di ambienti e realtà umane.
Sia chiaro che Hansen il suo mestiere lo conosce (in caso contrario, il mercato non gli avrebbe mai chiesto dodici libri con questo personaggio) quindi il giallo possiede la dose canonica di morti ammazzati, rapimenti di testimoni, minacce di morte eccetera. Contiene perfino il solito poliziotto incapace e il solito poliziotto sveglio, proprio come l'insalata deve contenere olio e aceto...

Ciò detto, l'autore si delizia nella cesellatura dei caratteri dei personaggi, insolitamente "a tutto tondo" e umani.
Ciò vale anche per il suo investigatore, di cui è descritta la relazione praticamente coniugale con il suo partner coabitante Cecil, un giornalista di colore che lo ama abbastanza da riuscire a far tacere le sue paure per un'attività che mette di continuo in pericolo la vita della persona amata (e a volte anche la sua). La relazione è tratteggiata in modo quotidiano, e senza alcuno squillo di fanfare, come una realtà banale e quotidiana, come l'autore voleva che fosse considerata.

Nella vicenda è presente anche un altro personaggio gay, il "testimone" di cui parla il titolo: è Carlton "Cotton" Simes, un artista di strada anch'egli di colore, descritto con toni più macchiettistici e a tratti perfino umoristici. Per esempio, a un certo punto, per fargli svelare cosa sapesse del delitto, Brandstetter lo fa intervistare - con successo - da Cecil, essendosi accorto del fatto che Carlton lo concupisce... E come scrittore gay Hansen riesce a dimostrare che è possibile trattare umoristicamente di personaggi gay senza diventare offensivi e stereotipati, tant'è che il suo Cotton non perde mai la dimensione umana e non diventa mai una macchietta.


In conclusione, il libro è un buon prodotto, confezionato con ottimo mestiere e, benché rispetto ad altri volumi della stessa serie appaia più "di routine", resta comunque un romanzo poliziesco ottimamente scritto.

E se mancano i colpi di scena e le scazzottate da scavezzacolli, ciò si deve certo al fatto che, come Brandstatter continua a ripetere, "Ormai non ho più l'età per fare certe cose...".

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

autoretitologenereanno
AA.VV.Gay rootsmiscellanea1991
AA.VV.Hidden from historymiscellanea1989
AA.VV.Long before Stonewallmiscellanea2007
AA.VV.Pelo vaso traseiromiscellanea2007
AA.VV.Reclaiming Sodommiscellanea1994
William BenemannMale-male intimacy in early America:saggio2006
Michael CrichtonTerminale uomo, Ilromanzo2006
Lillian FadermanOdd girls and twilight loverssaggio1992
Joseph HansenOmicidio a tempo di rockromanzo1993
Joseph HansenPartita con la morteromanzo1992
Tutti i risultati (17 libri) »

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 3

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  3. 5

  4. 6

    Girlfriend (videoclip, 2013)

    di

  5. 7

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 9