Myrna: un affare in famiglia. "Julia" n. 110, novembre 2007.

In questo episodio riecco apparire la serial killer lesbica, che mette a punto un pian ben architettato per insinuarsi in una famiglia ricchissima alla ricerca di un'infermiera e per la madre, malata e costretta al letto. La sceneggiatura procede con riuscita lentezza, e i pezzi del mosaico si compongono ad uno ad uno, rimandando con sapienza il momento inevitabile in cui Myrna riuscirà ad avere Julia legata e impotente di fronte a sé, dichiarandole platealmente il proprio amore. Ma mentre lo sbudellamento sta per iniziare, irrompe (colpo di scena completamente inedito!) la polizia e la salva. Myrna però riesce a scappare.
Considerato il fatto che la trama era scontata fin dal titolo, dato che la semplice apparizione di Myrna porta già a sapere in anticipo cosa accadrà nell'albo, compreso il finale, gli autori riescono a cavarsela bene, partendo con un inizio quasi idilliaco, arrivando fino a metà della narrazione prima di scoprire l'assassino di Ingrid, l'amante di cui Myrna ha preso l'identità (e la vita, mettendo i pezzi del suo cadavere in frigorifero), procedendo poi a uccidere anche il fratello preoccupato dal fatto di non avere più notizie da lei. E da qui inizia la solita scia d'omicidi e il ritmo accelera fino al solito clou.
Considerato il fatto che personaggi e situazioni stereotipate non lasciavano agli autori la possibilità di giocare troppo sulla suspense, il risultato è buono, basandosi sul disvelamento graduale dei piani di Myrna, sufficientemente contorti da non essere indovinabili nel giro di dieci pagine, come avviene di solito in questo tipo di fumetti.

(Un dettaglio buffo: Julia va a cena in un ristorante giapponese con uno dei protagonisti, che commenta lo strano gusto dei cibi. Un americano che nel 2007 non aveva mi assaggiato il sushi? Ma quanto provinciale e arretrato è il mondo di questo personaggio?).

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Fritz HaarmanncriminaleVari1879 - 1925
autoretitologenereanno
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Ernesto MichelazzoDietro le quintenoir2011
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Ernesto MichelazzoJulia - Le avventure di una criminologa: "Dietro le quinte"poliziesco/criminale2011
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Roberto ZaghiTi amo da morirenoir2011
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: a sangue caldonoir2005
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: il coraggio di ucciderenoir2010
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: io sono mianoir2009
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroStraniera, Lanoir2004
Giancarlo Berardi, Gustavo TrigoNella mente del mostronoir1998
Giancarlo Berardi, Laura ZuccheriBentornata, Myrna!noir2001
Valerio Bindi, M.P. CinqueAcqua Stortanoir2010
Tutti i risultati (22 fumetti) »
autoretitologenereanno
AA.VV.Secolo gay, Ilmiscellanea2006
AA.VV., Thomas Scortia, Quinn Yarbro ChelseaMostra di mostriracconti1979
Cristiano Armati, Yari SelvetellaRoma criminalesaggio2007
Luigi Romolo CarrinoAcqua Stortaromanzo2008
Luigi Romolo CarrinoPozzoromoloromanzo2009
Vincenzo CeramiFattacciracconti1997
Fabio CroceDelitto in Vaticano - La veritàsaggio1999
Claudio Dell'OrsoNero venezianosaggio2005
Discepoli di veritàBugie di sangue in Vaticanosaggio1999
Discepoli di veritàSegreto pontificiosaggio2007
Tutti i risultati (21 libri) »
titoloanno
Stangata napoletana1983

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Isabella (fumetto, 1966)

    di

  2. 4

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  3. 5

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  4. 6

  5. 7

  6. 8

    Altri libertini (libro, 1980)

    di