Myrna: il coraggio di uccidere, "Julia" n. 139, aprile 2010.

Julia è appena scampata a uno sbudellamento da parte di Myrna e tutti, amici e colleghi (poliziotti inclusi) vogliono che si faccia proteggere.

Nel frattempo Myrna, ricercata in abiti maschili su tutte le auto in uscita dalla città, cerca d'essere imprevedibile, e invece di allontanarsene ci torna, in abiti femminili. Verrà rimorchiata da un pappone che sta portando al lavoro la sua "protetta", Marlene, che in realtà è una transessuale innamorata di lui che "fa la vita" a suo vantaggio.
Myrna farà amicizia con Marlene, che si presterà ad aiutarla a ritrovare la donna che - racconta - le ha spezzato il cuore con la sua freddezza: Julia. Da parte sua il pappone cercherà d'iniziare alla prostituzione Myrna. Entrambi, ovviamente, verranno uccisi da lei (che ha già assassinato un paio di altre persone giusto per fare buona misura).
Julia (come suo solito) cascherà nel tranello, visto che Myrna userà l'assassinio di Marlene come diversivo per distrarre i poliziotti che vegliano su di lei. Myrna la narcotizzerà e rapirà, ma l'ennesima irruzione armi in pugno (stavolta non della polizia, ma d'un amico) in extremis, al solito salverà Julia e stavolta porterà all'arresto della pericolosa lesbica serial killer.

A furia di ripetere il personaggio, quest'albo mostra inevitabilmente una certa stanchezza, ma pur tirando avanti nella routine, è una routine dignitosa e questo episodio si lascia leggere senza annoiare.
Myrna non ha più nulla da offrire e si limita a ripetere ad oltranza la propria parte. La sola variazione sul tema è qui data dal fatto che il suo amore per Julia è arrivato al punto tale che al momento di assassinarla le è mancato "il coraggio di uccidere", e la sua mano ha esitato per un tempo abbastanza lungo da permettere il salvataggio della vittima. Ma è un po' poco per dire che la vicenda Myrna-Julia non sia ormai troppo scontata.

La riproduzione di questo testo è vietata senza la previa approvazione dell'autore.

Potrebbe interessarti anche…

nomeprofessioneautoreanni
Fritz HaarmanncriminaleVari1879 - 1925
autoretitologenereanno
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Ernesto MichelazzoDietro le quintenoir2011
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Ernesto MichelazzoJulia - Le avventure di una criminologa: "Dietro le quinte"poliziesco/criminale2011
Giancarlo Berardi, Lorenzo Calza, Roberto ZaghiTi amo da morirenoir2011
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: a sangue caldonoir2005
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: io sono mianoir2009
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroMyrna: un affare in famiglianoir2007
Giancarlo Berardi, Maurizio ManteroStraniera, Lanoir2004
Giancarlo Berardi, Gustavo TrigoNella mente del mostronoir1998
Giancarlo Berardi, Laura ZuccheriBentornata, Myrna!noir2001
Valerio Bindi, M.P. CinqueAcqua Stortanoir2010
Tutti i risultati (22 fumetti) »
autoretitologenereanno
AA.VV.Secolo gay, Ilmiscellanea2006
AA.VV., Thomas Scortia, Quinn Yarbro ChelseaMostra di mostriracconti1979
Cristiano Armati, Yari SelvetellaRoma criminalesaggio2007
Luigi Romolo CarrinoAcqua Stortaromanzo2008
Luigi Romolo CarrinoPozzoromoloromanzo2009
Vincenzo CeramiFattacciracconti1997
Fabio CroceDelitto in Vaticano - La veritàsaggio1999
Claudio Dell'OrsoNero venezianosaggio2005
Discepoli di veritàBugie di sangue in Vaticanosaggio1999
Discepoli di veritàSegreto pontificiosaggio2007
Tutti i risultati (21 libri) »
titoloanno
Stangata napoletana1983

Le recensioni più lette di questi giorni

  1. 1

    Relax (videoclip, 1983)

    di

  2. 4

  3. 5

    What/If (serie tv, 2019)

    di

  4. 7

  5. 8

    Sukia (fumetto, 1978)

    di

  6. 9

    Altri libertini (libro, 1980)

    di